lunedì 13 maggio 2019

Dopo i sondaggi anche un pò di voti sembrano frenare l'onda Salvini

A Gela e a Mezzano del Valle Salvini è battuto dalla sinistra
di Arrigo Antonellini

Due vittorie su due per il Movimento 5 stelle. Due sconfitte su due per la Lega.


I leghisti restano a mani vuote non riuscendo a conquistare neanche un comune nella Regione più a Sud d’Italia. 

L’esito dei ballottaggi in Sicilia, fa segnare l’en plein dei 5stelle, che vincono in due città emblematiche: a Caltanissetta, l’unico capoluogo al voto e la città del caso Montante, l’ex presidente di Confindustria sull’isola condannato venerdì scorso a 14 anni di carcere; e a Castelvetrano, la cittadina del superlatitante Matteo Messina Denaro, chiamata al voto dopo due anni di commissariamento per infiltrazioni mafiose. 

Ad annunciare la doppia vittoria è lo stesso Di Maio con una diretta facebook : “Quando ci danno per morti noi ci siamo sempre. Questa è una grandissima vittoria. Credo che avremo delle grandissime sorprese anche alle Europee”, ha detto il capo politico dei 5 stelle.

Sul fronte opposto, invece, doppia sconfitta per la Lega. I candidati del Carroccio, Giuseppe Spata e Giorgio Randazzo, perdono i rispettivi duelli a Gela e a Mazara del Vallo. 

Nella città in provincia di Trapani il nuovo sindaco è Salvatore Quinci, eletto col 52% e sostenuto da liste civiche di centrosinistra e moderati. 

Nella città del Petrolchimico, invece, la vittoria va a Lucio Greco che ha sfiorato il 53%: era il candidato del “Nazareno in salsa sicura”, appoggiato da liste civiche espressione del Pd e da un pezzo di Forza Italia. 

Vincono liste antisovranisti.

PD e Forza Italia? 

Sì, l'obiettivo di fermare Salvini è prioritario oggi, con alleanze strane, questa, con Forza Itatalia del dopo Berlusconi, quella tra PD e Cinque Stelle? 

Perchè quella tra Salvini e di Maio non è "strana"?  

Ed è quella che ci sta rovinando....

Zingaretti non ascolti le personali opinioni dei capicorrente, ma sempre quella dei padroni, gli elettori, anche se pochi, contano di più.

Gli italiani votano per vincere, governare, decidere sulla qualià della loro vita, dei loro figli, non per stare ad urlare a vuoto dall'opposizione, ci pensi pure bene ma si presenti agli elettori con una colazione che abbia possibilità di vincere.

Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento