venerdì 17 maggio 2019

Far crescere una comunità solidale

All'"estero" ma ci piace


Giovedi 23 maggio alle. ore 20,30 al Cinema EUROPA, Via S. Antonino Faenza.


Con prof. Flavia Franzoni, già docente di “Politica dei servizi sociali” presso l'Università di Bologna e il film “Quasi amici”, di Olivier Nakache e Eric Toledano, con Omar Sy e Francois Cluzet.

Fare il bene, raccontare il bene.

I luoghi dove l’essenziale è visibile agli occhi.

Dopo la bella esperienza della spiaggia INSIEME A TE di Punta Marina (Tutti al mare Nessuno escluso) di agosto 2018, che aprirà nuovamente dal 29 giugno al 1 settembre, vogliamo continuare a parlare di questo e di altri luoghi perché anche da lì passa il nostro futuro, perché sono “spazi ” di vita vissuta dove una comunità diventa capace di fare il bene, dove si ritrova con “gli altri” per imparare a vivere insieme le loro disabilità, dove opera per far crescere generazioni solidali, dove lo sguardo cerca ponti per creare una città futura nuova.

L’ingresso è gratuito.

L’invito è rivolto in particolare a quanti sono impegnati nell’associazionismo sociale, culturale e civile, agli studenti, alle famiglie e ai tantissimi amici e cittadini che si sentono vicini, sostengono o praticano il volontariato. A tutti.

Flavia Franzoni, è una studiosa ed esperta di politiche sociali e ha insegnato presso l’Università di Bologna “Organizzazione dei Servizi sociali” e “Politica dei Servizi sociali”. Tra le sue numerose pubblicazioni ricordiamo “Insieme”, scritto con il marito Romano Prodi e i tanti libri rivolti agli Studenti e alle Studentesse delle Scuole e dei Corsi di Laurea per Assistenti sociali, oltre che ad un pubblico di lettori interessati ai problemi della convivenza e della solidarietà sociale.

“Quasi amici” è un film di Olivier Nakache ed Eric Toledano, tratto dal libro autobiografico di Philippe Pozzo di Borgo (Le second souffle). Si tratta di un film molto bello e ben interpretato dagli attori Omar Sy e Francois Cluzet e racconta una storia di amicizia vera nata per necessità e durata 10 anni fra Philippe Pozzo di Borgo, di famiglia molto ricca e con una disabilità che lo costringe su una sedia a rotelle e Abdel Yasmin Sellou, un immigrato algerino con qualche problema a rigare dritto.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento