sabato 11 maggio 2019

Sondaggi elettorali "sconvolgenti"

Per Salvini o "contro" Salvini


Sì o no?
Intanto è un sondaggio e sappiamo bene ormai il valore che hanno i sondaggi.

Poi viene detto che oltre la metà degli intervistati non abbia ancora deciso, un dato che comunque riconferma quanto siano sepolte le ideologie ed i voti siano sempre più volatili, vengono presi al volo, sempre diversi da un'elezione all'altra.

Par la prima volta negli ultimi mesi Salvini è in calo, dal 34,4 al 32,2 ! 

Continua il trend in calo dei Cinque Stelle, inarrestabile per un partito di protesta, non radicato sul territorio, per di più alleato con la peggiore destra, sceso ancora dal 23,2 al 22,6, solo un anno fa alle politiche avev avuto il 32,2.

Il PD conferma la crescita, scontata per i partiti di opposizione, ma anche dopo l'espressione della più alta forma di democrazia, quella del suo nome, le Primarie, dal 19 al 20,4.

Ma il dato che conta è un altro.

I giornali titolano che è in corso la lotta tra PD e Cinque Stelle per il secondo posto. 

Ma quale secondo posto, per fare cosa, a cosa serve un secondo posto se non alle pagine dei giornali?

Pd più "La Sinistra", più "Più Europa" farebbero secondo il "sondaggio" il 27,6,
appena il 5 per cento in meno di Salvini, un Salvini che potrebbe aver inaugurato una tendenza al calo...

Dati questi ultimi che riguardano il primo, di posto, non l'inutile secondo.

Intanto alla faccia del millantato credito di Zingaretti: "Ho fatto l'unità della sinistra", più Europa e La sinistra, dice il sondaggio, fanno il 7,2: quale unità della sinistra allora?

Quella unità della sinistra che lui avrebbe fatto è votata all'angolo, in castigo, all'apposizione, a inutilmente lamentarsi più o meno gridando, spettatrice di un Paese che Salvini porta alla deriva, davanti alle porte sbarrate dell'Europa e dell'Africa, del prossimo, un Paese dalle porte chiuse.

Si fa politica contro, lo si è sempre fatto, mai tanto necessario come in questi mesi, contro le chiusure,  in un mondo sempre più aperto, globale; a favore dei valori fondamentali del vivere.

Un referendum, un sì o un no a Salvini, un sì ai valori fondamentali in cui crediamo, non a questo o quel provvedimento, ai valori che vogliamo per il vivere insieme, a tutti!

Unità contro Salvini quindi, non della sola sinistra, poi chiamiamola come vogliamo....

Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento