lunedì 24 giugno 2019

Il bilancio della polizia locale della Romagna Estense

Incrementato il controllo del territorio


Gli agenti con l'ausilio dell'auto civetta sono impegnati anche a contrastare l'uso del cellulare alla guida.
Nello specifico, dieci sono le sanzioni accertate negli ultimi quindici giorni nei confronti di conducenti che facevano uso del telefonino senza utilizzare viva-voce o auricolare. Inoltre, dall'inizio dell'anno sono 130 i veicoli sottoposti a sequestro, nello specifico 101 risultavano essere senza assicurazione e 29 non erano stati re-immatricolati nei termini di legge con targa italiana. Quindici sono anche le persone trovate alla guida di un veicolo senza aver mai conseguito la patente di guida.

Importanti risultati sono stati conseguiti nelle ultime settimane dai servizi destinati a garantire la sicurezza urbana e stradale. Nel comune di Bagnacavallo, a Villanova, è stato imposto l'alt a un'autovettura, condotta da un settantacinquenne italiano, che già era stata sospesa dalla circolazione lo scorso marzo. Il conducente, oltre a non esser in possesso della patente di guida, in quanto revocata, sottoposto a etilometro, è risultato in stato di ebbrezza con un tasso alcolemico di 0.78 g/l. Al veicolo, che doveva trovarsi in stato di fermo, erano stati asportati i sigilli. A carico del trasgressore, oltre alle violazioni di natura penale, sono state accertate sanzioni amministrative per un totale di 9.750 euro e l’auto è stata trasportata in deposito per la successiva confisca.

A Conselice, durante un servizio di Polizia Stradale, gli agenti hanno rinvenuto nel centro urbano uno scooter presumibilmente oggetto di furto. Il veicolo, ricercato in quanto era scappato poco prima a un posto di controllo, è stato abbandonato dal conducente che è poi fuggito a piedi. Da accertamenti lo scooter risultava avere la targa appartenente a un altro veicolo e il telaio abraso. Sono in corso indagini da parte della Polizia Locale per risalire agli autori del reato.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento