venerdì 28 giugno 2019

L'India in scena

Nella seconda serata dei Popoli


Il Popoli Pop Cult Festival entra nel vivo. Sul palcoscenico centrale, oggi, venerdì 28 giugno, omaggio all'India e alle sue suggestioni.





Alle 21 la consegna del Premio Popoli al Prof. Andrea Segré mentre i DJ si concentreranno sulle atmosfere del mitico concerto di Woodstock.

L'India, focus dell'XI edizione del Popoli Pop Cult Festival, affascinerà il pubblico neella seconda serata dell'evento. A partire dalle 21,30 di venerdì 28 giugno, lo spettacolo "Passaggio in India" farà convergere in Piazza Marconi la magia degli abiti e delle danze tipiche del continente, dalle tradizionali alle più moderne legate allo stile Bollywood. 

La Rocca Sforzesca farà da sfondo al repertorio dedicato al folklore della Mongolia, proposto dal gruppo “KhukhMongol”, esperto interprete del canto Khoomii, eseguito facendo vibrare le corde vocali in una modalità esclusiva, rintracciabile unicamente nei luoghi della sua origine. 

All'ex Lavatoio si fermeranno invece "The troubles notes", trio anglo/tedesco/americano “nomade” che girovaga e suona per le strade di mezzo mondo cercando di sintetizzare una nuova gypsy fusion basandosi sulle sonorità e le culture conosciute durante gli spostamenti. Il 50° anniversario del grande concerto di Woodstock diventerà la premessa del "Peace and Love Party 50°" organizzato in via Bacchi. Dj Lorenz, insieme ai colleghi Dj che anni fa hanno animato la consolle del Baccara Music Hall, porterà la musica un po' hippy, grunge e psichedelica di quegli anni in un ritorno al passato che vedrà come star assolute i dischi in vinile e tante bancarelle vintage, sfondo per il set fotografico allestito per i nostalgici.

Prima dell'inizio degli spettacoli, il palcoscenico di Piazza Marconi farà da scenografia alla IV edizione del Premio Popoli assegnato quest'anno al prof. Andrea Segrè, docente universitario e presidente della Fondazione Fico e del CAAB Bologna, fondatore di Last Minute Market e della campagna Spreco Zero, "per il suo impegno in importanti progetti internazionali contro lo spreco alimentare e la diffusione di una cultura e di un modello realisticamente possibile di economia circolare attraverso il “metodo spreco zero”. Nel 2016, il premio è stato consegnato a Francesca Rava, dell’omonima Fondazione, per le attività sociali svolte, nel 2017 a Davide Demichelis, autore e conduttore del programmadi Rai “Radici: L’altro volto dell’immigrazione” e nel 2018 a Stefano Manservisi, Direttore Generale per la cooperazione internazionale e lo sviluppo della Commissione Europea.

I Buskers continueranno, come ogni serata del Festival, ad esibirsi in diverse strade e location del borgo, dal gruppo di danza vietnamita inviato dall’Associazione Unesco del Vietnam a balli e rituali peruviani e indonesiani, dai ritmi messicani alla Bollywood dance, dal tributo a Bob Marley con Jack Guitar Manzoni e il coro dei rifugiati, all’esibizione di danza spettacolo itinerante del Centro Studi Danza, oltre ad altre esibizioni organizzati dai singoli stand. Per i bambini, a partire dalle 20,30 nei Giardini della Rocca sarà allestito il laboratorio L'arte Mithila per i piccoli.

Durante la serata sarà possibile cenare nei 24 stand rappresentativi di altrettante culture gastronomiche. L'attività espositiva resta centrata sulle mostre fotografiche "Passaggio in India" di Franco Ferretti (sala consigliare della Rocca) e "Mahatma Gandhi: 150 anni dalla nascita", organizzata dall’Unione Induista Italiana – SanatanaDharmaSamgha nella biblioteca del Torrioncello e la mostra d'arte "Umano" con opere del pittore e scultore azerbaigiano Elay Adam (Sala S.Apollinare).

Appuntamenti clou nella serata di sabato 29 giugno, quando nella piazza principale del Paese si esibirà il gruppo "Black Blue Brothers" formato da cinque acrobati africani che faranno rivivere il mito dei divertentissimi Blues Brothers. 

Per informazioni: www.popolipopcultfestival.com. 
Seguici anche su FB e Twitter


Quattro serate purtroppo sono poche per la prima delle iniziative della Romagna Estese

ana

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento