giovedì 20 giugno 2019

Parliamo della casa

Il frazionamento catastale: come e quando eseguire il frazionamento di unità immobiliari e di terreni 
di Domenico Laporta




Il frazionamento Catastale si divide in, frazionamento di unità urbane (appartamenti, negozi, magazzini ecc....) e frazionamento di terreni.
Per frazionamento di un'unità immobiliare si intende la sua suddivisione in due o più unità.


Nella gran maggioranza dei casi è legato ad un procedimento amministrativo e quindi ad una ristrutturazione e di conseguenza a livello comunale si considera un aumento del carico urbanistico, in quanto si presume che là dove abita una famiglia ne abiteranno due (questo potrebbe comportare anche oneri comunali, ma questo è un altro argomento).

Il frazionamento di un'unità preesistente in due o più nuove unità abitative necessita comunque e sempre della "concessione edilizia" da parte del Comune interessato.

Per frazionamento di terreni, si intende la suddivisione in due o più porzioni di lotto. E’ bene sottolineare che anche il frazionamento dei terreni deve essere approvato dall' ufficio tecnico comunale, che rilascerà una copia del tipo di frazionamento timbrata qualora venga approvata la richiesta. 

Spesso un frazionamento di terreni si effettua per venderne una parte o per divisioni patrimoniali, alle volte semplicemente, quando si tratta di terreni agricoli, per suddividere le colture da seminare (per quest’ultima procedura si può altresì intraprendere un’altra via con una pratica Do.C.Te.).

Per il frazionamento immobiliare le operazioni da effettuare sono le seguenti:
Il tecnico effettuerà un accesso agli atti presso le banche dati dell’Agenzia del Territorio per reperire una planimetria aggiornata, con allegati i dati catastali del fabbricato, dovrà effettuare sopralluogo, rilievo e restituzione grafica dell’unità immobiliare oggetto di intervento e successivamente si elaborerà il tutto con il software Do.C.Fa messo a disposizione dall’Agenzia delle entrate. 

Si rammenta che il fine ultimo degli accatastamenti delle unità immobiliari è la creazione di una rendita catastale che servirà successivamente alle amministrazioni comunali per calcolare le imposte relative.

Per il frazionamento dei terreni le operazioni da effettuare sono le seguenti:
Il tecnico dovrà eseguire il rilievo topografico dell'area, richiedendo all'Agenzia del territorio della provincia un estratto di mappa, contenente la particella da frazionare.

Il tecnico dovrà elaborare il rilievo effettuato in loco e compilare la modulistica tecnica che si trova all'interno del programma PREGEO ovvero:

- MOD. 51 F TP contenente la dimostrazione numerica del frazionamento.
- SCHEMA DEL RILIEVO rappresenta la dimostrazione grafica di come è avvenuto il frazionamento.
- LIBRETTO DELLE MISURE nel quale sono indicate tutte le rilevazioni eseguite direttamente sul terreno e quelle calcolate secondo la normativa.
- RELAZIONE TECNICA dove sono raccolte le osservazioni del tecnico ed in particolare vengono motivate le eventuali difficoltà che hanno determinato l'impossibilità di soddisfare completamente le disposizioni impartite dall'ufficio.
Il frazionamento catastale può essere presentato all' ufficio da un tecnico abilitato (geometra, architetto, ingegnere ecc...) previo incarico della proprietà.

Geom. Laporta Domenico

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento