martedì 2 luglio 2019

25° Anniversario di sacerdozio di don Claudiu Gherghel-Parroco di S.Agata

Di Armanda Capucci


Sono trascorsi oltre due anni dal 4 dicembre 2016, quando Don Claudiu Gherghel fece il suo ingresso solenne nella parrocchia di S. Agata accolto dalle varie autorità e dai parrocchiani, sostituendo l’arciprete Don Verdiano Foschini passato ad altro incarico.



Don Claudiu Gherghel, ex amministratore parrocchiale di Bizzuno, era stato ordinato sacerdote il 29 giugno 1994 in Romania, dove era nato 51 anni fa e dove aveva ricevuto l’ordinazione sacerdotale nonostante le difficoltà incontrate per coltivare la propria vocazione, in uno stato che era ancora oppresso dal regime comunista. 

Il padre era ufficiale dell’esercito, perciò Claudiu fu adottato da una ottima zia, una seconda madre, che gli donò il suo cognome e lo aiutò, permettendogli di entrare in seminario, per continuare gli studi. Dopo otto anni di ministero pastorale, giunse in Italia, nel 2002. 

Da allora, è stato collaboratore nella parrocchia di Villanova di Bagnacavallo, per tre anni, guidando la piccola comunità rumena di rito cattolico, lì residente, per giungere, poi, nella chiesa di Santa Maria Assunta a Bizzuno, storicamente appartenente al Vicariato di Fusignano, dove ha prestato servizio per quasi 11 anni. 

Il 4 dicembre 2016 assume, dunque, l’incarico piuttosto gravoso di amministratore delle parrocchie di S. Agata e Villa S. Martino; sede del nuovo parroco la canonica di S. Agata , il 129° per la storia.

Don Claudiu si mette subito all’opera, convocando, i consigli pastorale ed economico delle due parrocchie a lui affidate, per conoscere i loro rappresentanti ed i relativi problemi e per delineare le iniziative più urgenti. 

Si dimostra, fin dall’inizio, una persona cordiale ma riservata, equilibrata, sensibile al dialogo ed ai bisogni della gente, animata da una Fede profonda che è ciò che conta per portare a compimento il disegno di Dio. 

Ma il tempo vola e così sono trascorsi 25 anni dal lontano 29 giugno 1994, in Romania. Oggi, 29 giugno 2016, in Italia, a S. Agata, una nuova cerimonia, che si è svolta all’insegna della massima sobrietà, indispensabile per ricordare e festeggiare il 25° Anniversario di ordinazione sacerdotale di Don Claudiu. 

In verità, egli non ama il clamore ed aveva chiesto di poter celebrare questa importante tappa della sua vita soltanto con una semplice Messa, ma i Consigli Parrocchiali e molti parrocchiani si sono attivati per dimostrare in modo tangibile, al sacerdote, al quale sono molto affezionati per la sua umanità e disponibilità, il loro affetto e la loro riconoscenza. 

Così, al termine della funzione religiosa, concelebrata con l’arciprete emerito don Renzo Tarlazzi e don Marco Corradini, parroco di Fusignano, i rappresentanti delle due parrocchie di S. Agata e Villa S. Martino gli hanno presentato assieme agli auguri ed ai ringraziamenti per la preziosa opera da lui svolta, una pergamena con la benedizione papale. 

Poi ha ricevuto gli auguri e le felicitazioni del sindaco Enea Emiliani che, a sua volta, gli ha donato una pergamena a nome dell’Amministrazione comunale e dei cittadini tutti, coincidendo il territorio del Comune di S. Agata con quello della Parrocchia. 

Don Claudiu, visibilmente commosso, si è rivolto ai fedeli, nel suo stile chiaro ed asciutto, rinnovando tutto l’ impegno verso la due comunità ed esprimendo il suo affetto anche per quella di Bizzuno di cui erano presenti vari amici che non hanno dimenticato il suo operato: “ Oggi, qui, non ho familiari, né parenti, ma voi siete i miei amici, la mia famiglia.” 

Si potrebbe aggiungere al termine famiglia anche l’aggettivo “romagnola” perché il sacerdote si è perfettamente integrato nella nostra realtà, sa cogliere l’animo romagnolo e talvolta ama scherzare con qualche simpatica battuta che denota un temperamento sereno e mai di cattivo umore nonostante i numerosi problemi da risolvere. 

Per l’occasione, non ha voluto regali, ma ha espresso il desiderio che le eventuali offerte vengano devolute ad un Istituto che si trova in Romania ed ospita giovani in difficoltà. 

Gli è stato poi presentato un album con numerosi biglietti di auguri da parte dei parrocchiani. Infine ….è scoppiata la festa. 

Nel sagrato della chiesa si è svolto un rinfresco tutto speciale, allegro, rumoroso ed affollatissimo nonostante il caldo esagerato, che si è concluso con una enorme “torta del 25° Anniversario” offerta dalla “ Pro loco”.

Armanda Capucci

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento