venerdì 12 luglio 2019

Lorenzo Missiroli, l'Harry Potter 2

FOTO e PAROLE
di Paolo Caroli


Secondo "mercoledì sotto le stelle" e questa volte Giove pluvio si è sfogato
nella mattinata portando una ventata di aria frizzante, dopo la pesante calura
dei giorni scorsi.


Molte le persone a passeggio sotto il Pavaglione, con i bar stracolmi e clima festoso,
grazie alle tante iniziative.

Lorenzo Missiroli, l'Harry Potter del pianoforte, concede il bis, suonando presso il
negozio Clorofilla Erboristeria Bioprofumeria, con tanta gente a sedere anche in
questa seconda serata.

Non è difficile scrivere di questo giovanissimo talento, senza cadere nella retorica,
perché "l'è propri un brev tabac". 

Mi concedo questa espressione romagnola, che è esaustiva del piccolo personaggio.

Il dodicenne che frequenta la Scuola Malerbi di Lugo, allievo del maestro Mauro Minguzzi, ha deliziato il palato suonando a memoria Mozart(Sonata K 332), Liszt
(Le campane di Ginevra) e Bach (Suite francese), per finire con un pezzo delle Quattro
Stagioni di Vivaldi, imparato il giorno precedente in poco più di due ore.

Semplice e spontaneo dietro agli occhiali da "maghetto", il suo talento è un mix leggero
di eleganza, tecnica e interpretazione, a dispetto della giovane età.

Non ci sarò i prossimi due mercoledì di luglio, ma col cuore è come se fossi lì, seduto.

Fortunati saranno quelli che lo ascolteranno.

Paolo Caroli

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento