sabato 31 agosto 2019

A Lugo alzare il livello degli eventi

Gli eventi servono per l'incoming



L'incoming è portare reddito, soldi a Lugo, non per far passare due ore serene ai lughesi, fare quattro chiacchiere in piazza, incontrare gli amici, per questo basta mettere due tavoli in strada e mangiare insieme, ci mettevano le sedie i nostri genitori quando eravamo piccoli per incontrarsi con gli altri.

Gli eventi danno lavoro agli alberghi, ai ristoranti, ai bar, ai negozi.

Eravamo la Città dell'"evento", ne portava circa trentamila il compianto assessore alla Cultura Valter Ricci Bitti con Pavaglione Estate e Pavaglione Sport.

Quest'anno i soldi per buskers non ci sono stati.

Alzare il livello degli eventi come titolava "il Resto del carlino" lo chiedono le Associazioni di categoria.

"Spetta al Consorzio Anima Lugo - dice Luca Massacesi direttore della Confcommercio - coordinare gli appuntamenti".

E annuncia una novità, la biennale avrà da questo ottobre un appendice annuale e a dar vita all'evento saranno gli stand enogastronomici per assicurare la territorialità e la qualità.

"Sarebbe necessaria una cabina di regia - afferma Bruno Checcoli, presidente della Confeserceti - per evitare fughe in avanti di qualche associazione".

Checcoli anticipa anche un nuovo evento: il 4, 5 e 6 ottobre, "Spiriti Divini", un appuntamento dedicato ai vini, al Pavaglione.

"Oltre a redigere il calendario - commenta la Confesercenti - occorre assicurare qualità agli eventi, devono rappresentare una opportunità economica per il mondo del commercio e accrescere l'immagine di Lugo".

Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento