martedì 13 agosto 2019

Al piccolo festival della narrazione di Massa Lombarda

La musica balcanica del quartetto K


Domani, mercoledì 14 agosto il Quartetto K anima il secondo appuntamento del “Piccolo festival della narrazione” al vecchio lavatoio di Massa Lombarda, in via Imola.
Dalle 21 il gruppo sarà protagonista dello spettacolo “Gitani e Magiari”, che proporrà un repertorio dall’area mitteleuropea, russa e balcanica.

I paesi dell’Europa centrale, quell’area che un tempo costituiva il grande Impero austro-ungarico, hanno nella loro tradizione popolare un patrimonio musicale di grande fascino e bellezza a cui si sono ispirati da sempre i più grandi compositori del passato tra cui Brahms, Dvorak, Kodaly e Bartok. 

Molti di loro trassero nuova linfa da questo immenso repertorio e alcuni crearono un punto di incontro tra il repertorio popolare e la musica classica. 

Questo programma celebra proprio questo incontro tra classico e tradizione, tra Oriente e Occidente, un ponte tra due linguaggi che dialogano e si fondono dando vita a un nuovo genere musicale. 

Si tratta di un viaggio attraverso la tradizione musicale magiara della Mitteleuropa passando per la Russia zarista di inizio secolo scorso per arrivare fino ai piccoli villaggi della Transilvania e del sud dell’Ungheria, dove i musicisti girovaghi accompagnavano la danza, la preghiera e ogni altro momento importante. Il Quartetto K è composto da Stefano Martini (violino), Matteo Salerno (flauto), Egidio Collini (chitarra) e Nicola Domeniconi (contrabbasso).

Da quasi due decenni il Quartetto K interpreta e rielabora con uno stile personale e accurato il repertorio musicale dall’area mittel-europea, russa e balcanica. 

I musicisti amano riscoprire musiche dimenticate e poco conosciute tratte sia dal repertorio classico che da quello tradizionale. 

Da questo lavoro nascono diversi progetti dedicati alla musica magiara e all’area ungherese, alla musica russa, al repertorio klezmer oltre a progetti con autori come Shostakovik, Lehar e Shnikte. Diverse le collaborazioni del gruppo con attori e registri, tra cui recentemente l’esibizione per il Festival Pergolesi Spontini, dedicato ai Falsi d’Autore per la regia di Giovanni Sinopoli con Marco Celli ed Edoardo Coen. 

Da segnalare anche la collaborazione con Gene Gnocchi.

L’appuntamento è a ingresso gratuito e rientra nella programmazione di “Massa Lombarda Città che Legge”. Il Festival è promosso dall’assessorato alla Cultura del Comune di Massa Lombarda, con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna, dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna e della Provincia di Ravenna e con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola e di Bcc Credito cooperativo ravennate, forlivese e imolese.

Per informazioni, contattare l’Urp del Comune di Massa Lombarda al numero 0545 985890 o alla mail urp@comune.massalombarda.ra.it.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento