mercoledì 7 agosto 2019

Ricordi di gioventù.....della gioventù del PD

Gap di democrazia


Già, a propsito dell'articolo di sabato scorso, "decidono tutto loro"
http://www.pavaglionelugo.net/2019/08/la-giunta-del-comune-della-romagna_3.html

Ricordo, del resto è stato "solo" undici fa, il momento più alto del Partito Democratico, della democrazia lughese.

2009, si votava per le comunali.

Raffele Cortesi era stato sindaco al suo primo mandato, eletto nel 2004.

I dirigenti del neonato PD bandì le Primarie per la scelta del candidato Sindaco, Primarie apertissime, non con il legaccio di ora dei soli tre candidati (laddove si fanno ancora non certo più nella Romagna Estense!), chiunque voglia candidarsi venga in sede a dirlo, entro....

Fece domanda solo Cortesi, i lughesi sapevano bene che era stato un ottimo Sindaco, si può forse anche dire che lo stesso Cortesi "accettò" la procedura democratica perchè era giustamente sicuro di se stesso.

Il capo del PD della Romagna Estense dieci anni fa  era Paolo Pirazzini, ex Sindaco di Fusignano, un grande democratico, credeva fortemente nell'Ulivo.

Già, erano gli anni del grande entusiasmo per l'Ulivo di Romano Prodi.

Ricordo che dissi a Paolo: "E la lista dei candidati al Consiglio Comunake? Non vorrai mica chiuderti in sede con qualche compagno, a finestre chiuse con un foglio in mano, su cui tirare righe tu: questo sì e questo no?".

Bandì le Primarie aperte a tutti quelli che volevano candidarsi, metterci la faccia.

Una quarantina di nomi, andammo a votare, e in tanti, in lista andarono i venti che avevano avuti più voti, tantissimi volti nuovi che non si erano mai impegnati in politica, tantissimi giovanissimi, il gruppo consiliare fu quasi completamente rinnovato.

Il Pd fece il 67 per cento!

Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento