sabato 7 settembre 2019

Dare teatro ai lughesi era "difficile"

Tardi le scuse di Domenico Randi
di Arrigo Antonellini



Cosa serve per riuscire a fare cose difficili?

Darsi molto da fare, impegnarsi molto? Avere le capacità di farle? 

Lascia perplessi che nel silenzio del Sindaco Ranelli, l'Assessore alla Cultura, Anna Giulia Gallegati, sul tema di offrire teatro ai lughesi in un altro contenitore durante i necessari lunghi lavori di adeguamento sismico del Rossini, abbia detto che sarebbe stato "difficile" farlo.

Come avrebbe lasciato perplessi se il governo avesse detto, avevamo nel programma quota cento o il reddito di cittadinanza ma sarebbe stato difficile farli....

Dare cultura ai lughesi risulta essere obiettivo prioritario ed è fuori discussione che il teatro, per la sua qualità, per il numero di spettatori, debba essere al primo posto, come attestato dall'entità della posta di bilancio ad esso riservato.

Come lascia anche perplessi che nelle "sue" scuse ai lughesi  non ci sia anche quella di essersi dimenticato di averle fatto a primavera per dare il tempo ai lughesi di organizzarsi per fare abbonamenti ai tanti teatri vicini.

Una stagione senza teatro, una e mezzo, due?

Le previsioni sulla durata di lavori sono sempre sfortunate, si impattano sempre con "condizioni metereologiche particolarmente avverse"..... 

Arrigo Antonellini  

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento