giovedì 31 ottobre 2019

I Cinque Stelle condannati all'opposizione

Ma che senso ha?



Penso che la scelta di dedicare il proprio tempo all'impegno in politica possa avere queste motivazioni.

- trovare il modo di "rubare" denaro
- vivere senza il peso di dover lavorare
- diventare famosi, essere conosciuti
- impegnarsi per amore del prossimo, fare il possibile perchè il proprio prossimo stia meglio, il primo dei servizi al prossimo come dice la chiesa cattolica.

Poi ci sarebbe anche il fare una bella testimonianza.

Se Di Maio dice che il suo movimento deve presentarsi da solo alle elezioni, significa appunto aver scelto di fare sola testimonianza.

Dando per scontato che Di Maio non sia un sognatore, non possa pensare di arrivare mai al 51 per cento dei voti degli italiani, risulta ovvio che non faccia politica per l'ultima delle predette motivazioni, il servizio al prossimo, quello non si fa dalle minoranze.

Escludendo anche le prime due motivazioni (non dover lavorare per vivere?) rimane solo la terza, voler essere famosi.

Essere famosi senza però poter far nulla per il proprio prossimo, sostanzialmente inutili o quasi?

Si spendono tante belle parole per sottolineare l'importanza delle opposizioni in democrazia, ma sempre sostanzialmente inutili si rimane, la vera opposizione la fanno gli elettori che quando viene il momento di esercitare il loro potere sovrano, ogni cinque anni per dare il giusto tempo di fare tutto ciò che chi governa ha intenzione di fare, se ha fatto male, ti manda a casa.

A cosa serve allora condannarsi ad essere sempre solo minoranza come sceglie di fare Di Maio?

"Andare da soli ci conviene", conviene a chi, a cosa? A te, Di Maio, per avere un esercito più numeroso?  Essere un leader più forte? Un esercito disarmato rispetto alla soluzione dei problemi degli italiani?

Del come stanno, non te ne frega niente?

Intanto Conte ci piace sempre di più, il suo intervento in Parlamento il giorno della caduta del Governo-Salvini, cui è seguita l'implorazione di Salvini:  No, mi sono sbagliato, per pietà andiamo avanti, fai tu il capo Di Maio, quell'ora di tortura per Salvini, è stato uno dei momenti più alti della nostra storia politica, nella forma e nel suo contenuto politico.

Ora dire che non ci sono alternative all'alleanza con il PD perchè l'alternativa è il Paese ai barbari, è un giusto approccio, di un avvocato degli italiani.

Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento