giovedì 28 novembre 2019

Bipolarismo

Cinque Stelle e PD

Prendiamola alla lontana, ma oggi anche in politica è tempo di farlo per stare al passo con i desiderata dei "padroni", gli elettori.

Coppi o Bartoli, Mazzola o Rivera, Juve o Inter, viene dagli sport popolari che hanno ben altro gradimento della politica.

E' sempre piaciuto il "bipolarismo" e oggi più che quando la politica piace sempre meno e per demerito suo!

Gli ultimi sondaggi per le nostre regionali dicono "chiaramente" che vincerà la destra, meno chiaramente è se succederà se Zingaretti e di Maio faranno muro insieme, sì, muro contro i barbari, che se vinceranno anche da noi, sarà la "fine".

La testa dei grillini, Grillo lo sa bene visto che è la testa che ha portato il M5S a stravincere le ultime politiche, dice che vada fatto.

Il suo "suggerimento" è stringere l'alleanza con il PD, il morituro PD, ora dilianato dalla terza rottura in pochi anni, prima la sua sinistra, poi Renzo, ora Calenda non può che essere d'accordo su questo, alla vigilia della perdita della "sua" regione.

Ora tocca al morituro Di Maio. Vuole regalare anche l'Emilia Romagna a Salvini? 

Ha voglia di dire che elezioni regionali come quelle dell'Emilia Romagna, non a caso quella della nascita delle Sardine, del noi non ci leghiamo, non avranno effetti sul suo governo, sulla sua stragrande maggioranza in Parlamento!

Ma quanti morituri ci sono oggi nella politica italiana, a parte i barbari!

Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento