venerdì 29 novembre 2019

Gli altri sindaci sulle dimissioni di Ranalli

La vicepresidente Eleonora Proni
Superare visioni a volte divergenti

I Sindaci della Bassa Romagna, per voce della Vice Presidente dell’Unione, Eleonora Proni, esprimono innanzitutto dispiacere per la decisione assunta dal Sindaco Ranalli di lasciare la presidenza dell’Unione.


“Il percorso avviato dall’Unione – spiega la Vice Presidente – non è in discussione e, in tempi molto rapidi, ci stiamo già adoperando per definire un nuovo assetto di governo. È nostra responsabilità garantire continuità ai servizi e alle progettualità in corso e il valore collegiale dell’Unione dei Comuni sta anche nella capacità di affrontare e superare visioni a volte divergenti, ma sempre orientate al bene comune.

La nostra Unione è una realtà complessa, in grado di garantire un reale valore aggiunto al nostro territorio, mantenendo livelli di equità nell’accesso ai servizi a cittadini e imprese, valorizzando tutti i Comuni, dai più grandi ai più piccoli. Per questa ragione il confronto è la cifra dell’azione di governo e la figura del Presidente ne rappresenta la sintesi.

Il futuro dell’Unione lo costruiamo ogni giorno, partendo dal lavoro che abbiamo sviluppato nella scorsa legislatura. Il Patto Strategico per lo sviluppo economico e sociale della Bassa Romagna, per esempio, coinvolge tutte le rappresentanze economiche, sociali, professionali e il mondo della scuola del nostro territorio in un percorso condiviso di ascolto, coinvolgimento e responsabilizzazione nella definizione non solo delle priorità di governo, ma anche della loro realizzazione.

Nel corso dellìultimo Consiglio dell’Unione inoltre, – prosegue la Vice Presidente – è stato presentato il Bilancio di previsione dell’Unione per il triennio 2020 – 2022, che ricordiamo essere l’atto programmatorio fondamentale di ogni ente, il ché evidenzia che le attività proseguono e l’impegno di ciascuno di noi e della struttura organizzativa non si è mai fermato.

L’Unione è un progetto politico, una struttura ben organizzata, un valore aggiunto per la Bassa Romagna e, grazie all’impegno di tutti coloro che quotidianamente si adoperano a tutti i livelli, continuerà ad essere tale”.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento