martedì 5 novembre 2019

La poesia del martedì

Udôr ad ca

T’ zir e u t’ariva

 che t’ an’ t’ n’ adê
u t’ s’ ataca adòs
u t’ s’ instéca int’ i pinsir
ch’ i s’ slérga
i s’arvérs a l’indrì.
L’ è l’udôr dagli aròsti
sôra i zircc dla stufa,
ad mân svelti
ch’ al zuga al tond
ad ócc incanté ad burdéla
e lóm dla sēra in ca.

E pu al balusi da sgusé,
i cuciarul chel dint e’ piàt dla mnëstra
e pu i cuciarul crud
ch’ i scròcla sóta i dént
cun la “Segavècia”.
I dis ch’ i artórna
cun la röda de témp
cun e zērc c dl’ân
i’ artórna com i pinsir...
e t’ at’ n’ adê ch’ u s’ è smarì e rispir ad ca
e t’ al ve a zarchêr da Vizénz, a Maré
int’ e’ bos-c ad castégn.


Elide Casali 



ODORE DI CASA

Ti giri e ti arriva/ che non te ne accorgi, /ti si attacca addosso, /ti entra nei pensieri/che si allargano,/ si rovesciano all'indietro./ E' l'odore delle caldarroste/ sopra i cerchi della stufa,/ le mani svelte che giocano in cerchio/ gli occhi incantati di ragazza/ e la luce della sera in casa/E poi le castagne bollite da sgusciare/le castagne secche calde nel piatto della minestra / e poi le castagne secche crude/ che scricchiolano sotto i denti / con la“Segavecchia”. / Dicono che ritornano /con la ruota del tempo / e la ciclicità dell’anno / ritornano come i pensieri... / e ti accorgi che si è smarrito il respiro di casa/ e vai a cercarlo da Vincenzo, a Marradi / nel bosco di castagni


Elide Casali

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento