martedì 12 novembre 2019

La poesia del martedì




Ból ad savôn

A l ciàpa e’ vôl, gônfi d’un rispìr,
a l döndla inzērti e al pê zarchê’
’na mân ch’ li gvida luntân, in do truvê’
un zìl sénza nùval, un vènt alżìr.

Ból ch’ a l s möv par rubê’ de sôl al spìr
e impinìs ’d chi culùr ch’ j e’ drì a caschê’,
e andê’ só, sèmpar pió só, e pu s-ciupê’
int ’na nùvla ’d schègg ch’ la pê un sintìr.

Deṡidēri nascòst, varitê ch’ a l frès,
sogn strunchē da la förza dla realtê,
pr’un atom t’ a j vì, pu i vôla vèja.

Che babèn ch’ sufiēva, l’e’ sèmpr’e’ stès
che adës l’a ṡmès ’d vulê’, e’ sta pighê,
 ma l’arcörda chi sogn cun malincunèja.


Bolle di sapone



S’involano, gonfie di un respiro, / dondolano incerte e sembrano cercare / una mano che li guidi lontano, dove trovare / un cielo senza nuvole, un vento leggero.



Bolle che si muovono per rubare i raggi del sole / e riempirsi di quei colori che stanno cadendo, / e salire, sempre più su, e scoppiare / in una nuvola di schegge che sembra un sentiero.



Desideri nascosti, verità che feriscono, / sogni stroncati dalla forza della realtà, / li vedi per un attimo, poi volano via.



Quel bimbo che soffiava è sempre lo stesso / che ha smesso di volare, se ne sta curvo, / ma ricorda quei sogni con malinconia.


Pontoni Roberto
Poesia terza classificata al concorso san Martino d'oro.


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento