lunedì 11 novembre 2019

L’inaugurazione di un bocciodromo privato in via Piratello a Lugo

Riceviamo da Giovanni Baldini e pubblichiamo

 C’è stata l’inaugurazione di un bocciodromo privato in via Piratello a Lugo.


“E’ zug da pal – precisa in un volantino l’ideatore, Daniele Ercolani – è un vecchio passatempo per la gente di campagna, che ha sempre attirato vecchi e giovani di qualsiasi ceto sociale. 

Il mio scopo era quello di favorire gli incontri, chiacchierare in amicizia, bere un bicchiere di vino con una piada e un piatto di affettato, scambiarci i ricordi del passato e godere della gioia della compagnia”.

Detto fatto: Daniele ha chiamato a raccolta gli amici da Ascensione, Ca’ di Lugo, Sant’Agata, Lugo, Bagnacavallo … e ha mostrato il bel manufatto, davvero professionale, realizzato dal capomastro Lorenzo Dalmonte, Gianni Baldi, Daniele Baldini, Adriano Andalò, il falegname Augusto Scardovi. 

Sul nuovo impianto, illuminato e all’aperto, veglia il tricolore italiano e una targa in legno che recita “Ca Sturera 1926 Le radici M.V.E.” “Sturera” è il soprannome della famiglia Ercolani, che ha lontane origini bagnacavallesi; M.V.E. è acronimo che sottintende le iniziali dei genitori Maria Randi e Vittorio Ercolani, entrambi scomparsi da tempo. 

Oltre ai genitori, anche i fratelli Elìa e Caterina, deceduti, sono stati ricordati da Daniele in un “Inno alla vita”, scritto a novembre 2018, nel quale egli esalta i genitori “che hanno creduto nel loro lavoro, nei valori e nei doveri, affrontando le difficoltà della vita con fatica e onestà assicurando ai figli … un vita migliore e decorosa”. 

L’improvvisato cantore ha avuto pure parole di gratitudine per “l’intenso profumo della nostra terra, che odora di frutti maturi e fiori di campo”. 

Non c’è stato un taglio del nastro ufficiale, ma una merenda con prodotti tipici, fra cui un ottimo vino. 

Gli amici di Daniele sono avvisati: si potrà trovare un po’ di allegra compagnia in via Piratello (nel tratto stretto della Piratello, quando si fa viottolo di campagna e che, nel lato santagatese, prende il nome di via Montaccio). 

Davvero una bella iniziativa controcorrente. 

(gb)


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento