martedì 3 dicembre 2019

La poesia del martedi

Un nid

A vreb truvêr un nid, un nid sicur,

par stêr a e’ chêld se fura e’ tira e’ vẽnt,

l’invéran, cvãnd ch’e’ pióv, e a là int e’ bur,

la nöt la fa sintir e’su lamẽnt.


Cvãnd che i pinsir i pérd i su culur

par i sintir ingarbujé dla mẽnt,

a vreb truvêr un nid stra al foj e i fiur,

al foj de’ côr, i fiur di sintimẽnt.


Mo l’à la tëra dura ste zardẽn,

e stra gramegna e sës, e röcia e fër

i fiur i-n sa piò arvis e saltê’ fura.


La boca la-n sa di’, l’è pina d spẽn,

la n’à parôl sta lèngva ch’a ciachër,

sta lèngva ch’ la sa d stec e d pudadura.


Franco Ponseggi

Un nido

Vorrei trovare un nido, un nido sicuro, /per stare al caldo se fuori soffia il vento,/ l’inverno, quando piove, e là nel buio, /la notte fa sentire il suo lamento. //Quando i pensieri perdono i loro colori /per i sentieri contorti della mente, / vorrei trovare un nido tra le foglie e i fiori, / le foglie del cuore, i fiori dei sentimenti.//Ma ha la terra dura questo giardino, /e tra gramigna e sassi, e roccia e ferro, / i fiori non sanno più aprirsi e saltare fuori.// La bocca non sa dire, è piena di spine,/ non ha parole questa lingua che parlo, /questa lingua che sa di sterpi e di ramagli

Franco Ponseggi

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento