martedì 28 gennaio 2020

La poesia del martedì


               Che paéš.


A t’j’àj mo mai mandê te a che paéš?
Se te t saves mo cvãnta žẽnt ch’u j’è!
E’ sèndic l’è mi amig, di’ ch’a-t mènd me,
che bẽn ta-t truvaré, t’avdré ch’u-t piéš!


E vaj, no fêt preghê, no guardê al spéš,
a t’a’ pég me e’ bigliet pr’andêr a lè!
E sta sicur ch’l’è e’ pöst adat a te,
e nẽnc s’u n’è, te vaj in tot i chéš!


A là te t sré tratê  cun tot j’unur,
va’ avãnti, cor, fa prëst, no stêt pintì,
trancvel e rilasê, cun pas sicur.


E a m’aracmènd, no piò turnêr indrì!
L’è cvel e’ pöst par tot i scuciadur,
s’u-j va tot cvi ch’a-j mènd, adës l’è pi.

Ponseggi Franco


       
                   Quel paese.
 (liberamente ispirato alla celebre canzone di Alberto Sordi)


Ti ci hanno mai mandato a quel paese?
Se tu sapessi quanta gente che c’è!
Il sindaco è mio amico, di’ che ti mando io,
che bene ti troverai, vedrai che ti piace!


E vacci, non farti pregare, non guardare alle spese,
te lo pago io il biglietto per andare lì!
E sta sicuro che è il posto adatto a te,
e anche se non è, tu vacci in tutti i casi!


Là tu sarai trattato con tutti gli onori,
va’ avanti, corri, fai presto, non ti pentire,
tranquillo e rilassato, con passo sicuro.


E mi raccomando, non tornare più indietro!
È quello il posto per tutti gli scocciatori,
se ci vanno tutti quelli che ci mando, adesso è pieno!

Ponseggi Franco


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento