lunedì 10 febbraio 2020

Quali sono le prospettive del Comune della Romagna Estense?

Il Comune di Lugo ne è uscito
La mancata partecipazione del Sindaco di Lugo Davide Ranalli alle riunioni di Giunta dell’Unione della Bassa Romagna costituisce un fatto grave dal punto di vista etico, politico e istituzionale.

Etico perché egli ha avuto, attraverso il voto della maggioranza dei lughesi, un mandato di governo che in questo modo non viene pienamente esercitato e per il quale il Sindaco percepisce un’adeguata indennità erogata dalla fiscalità generale dei cittadini contribuenti. 


Dopo le dimissioni formali, in ben dieci sedute dell’Unione Lugo non è stata rappresentata essendo anche mancata la delega, come previsto dallo Statuto, nei confronti di un Assessore.

Politico in quanto non sono mai state chiarite le vere ragioni che hanno determinato le dimissioni di Ranalli da Presidente dell’Unione; ciò che si è percepito dalle dichiarazioni fatte a suo tempo è la difficoltà a coniugare la logica egemone del primo cittadino di Lugo con una gestione che necessita di collegialità e confronto, essendo l’Unione un organismo che deve rappresentare le istanze di nove Comuni.

Istituzionale perché la personale posizione di Ranalli rischia di penalizzare gli interessi del maggior Comune della Bassa Romagna, escludendolo di fatto dalle decisioni che vengono assunte dalla Giunta dell’Unione sulle questioni che riguardano le attività economiche, sociali ed educative del territorio.

E’ necessario che il Sindaco e il PD vadano in Consiglio Comunale per chiarire in modo trasparente questa situazione e indicare in maniera chiara qual è la loro valutazione sull’attuale ruolo dell’Unione, in particolare sulle prospettive future.

Questo atteggiamento non è purtroppo nuovo per Ranalli; scarsa è stata la sua partecipazione anche ad altri organismi nei quali doveva rappresentare il Comune di Lugo, come la Giunta Provinciale, la Conferenza territoriale socio sanitaria, il Consiglio locale dell’Agenzia territoriale dei servizi idrici e dei rifiuti; tutto questo mentre Lugo conta sempre meno all’interno del territorio provinciale, l’ospedale di Lugo subisce un pesante ridimensionamento, Hera continua ad aumentare ogni anno la TARI invece di impostare una seria raccolta differenziata che riduca la produzione dei rifiuti e le tariffe per cittadini ed imprese.

Bruno Pelloni - Presidente Associazione Per la Buona Politica


Etico, politico e istituzionale, e legale? Hanno valore le delibere firmate non da tutti i Comuni? Sono cogenti anche per i lughesi, sul territorio del Comune di Lugo, deliberate dagli altri otto sindaci che ovviamente i lughesi non hanno votato e non conoscono!?
Politico, qual è l'opinione del segretario del PD della Bassa Romgana? Ma è dimissionario anche lui? E' a rischio anche la Fiera di settembre? Da chi verrà inaugurata se non dovesse cambiare qualcosa prima? Cosa???

ana

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento