venerdì 27 marzo 2020

Coronavirus: rimani a casa o stay home?

Di Angelo Ravaglia


Oltre alla pandemia dilaga l’anglomania: lockdown, smartwork, cheekpoint, cluster, triage, drive-thru, runner, test, clinic trial,whatever it works…..il virus mondiale diffonde con sè anche la lingua della globalizzazione.


Oggi, senza conoscere questi anglicismi propalati (e non tradotti) da giornaliste/i televisivi freschi di Erasmus, non si può fronteggiare l’emergenza .

Oppure occorre chiamare Amazon per farsi recapitare a domicilio un dizionario di inglese.

Ah, perfida Albione… niente hanno da dire i Soloni della Crusca di fronte a questa invasione nel nostro lessico, proprio dell’anno di Dante, padre della lingua ?

Ideona: dobbiamo tradurre tutto in inglese, solo così ci salveremo. Come si dirà tampone o mascherina?

Oh yeah...alla faccia della Brexit!

Stay home ...anzi stasìv a cà, come si dice in dialetto! 

Angelo Ravaglia








Angelo Ravaglia

(da remoto ossia..remotely)




Lugo di Romagna , 27 marzo 2020




PS: so l’inglese ed il dialetto del mio paese….

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento