martedì 31 marzo 2020

La poesia del martedì

Sopra c'è un cielo...

Chiedo alla forza delirante del vento
di mutare in mansuetudine l'orgoglio,
che piega le ali e le punte dei pioppi.

Chiedo una brezza leggera e soave.
Chiedo frammenti di chiaro mattino.
Chiedo uno spazio rivolto al domani.

Raro il celeste di questo marzo nudo.
rara la fiamma che genera i tramonti.
rare le speranze recate da campane.

C'è una casacca girgia e frastagliata
che lenta muove nascondendo il blu.
Sopra, un cielo cangiante di certezze.

E fantasia di nubi dopo il temporale.
E corolle di fuochi sparsi nella valle.
E giorni aperti sgorganti nell'amore.


Vittorio Tampieri


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento