mercoledì 18 marzo 2020

Le multe ai tempi del Covid-19

Da facebook

"Venerdì scorso suonano alla porta. Sono in casa, naturalmente (dove potrei altro essere, di questi tempi?); dunque, mi affaccio alla finestra, non per suonare a mia volta (cosa che si fa alle 18, lo so) ma, più tradizionalmente, per vedere chi è.


E' la postina con in mano una busta color verdino; quel verdino che fa tanto atto giudiziario (vedi foto). 

La postina è lì, io sono lì, a debita distanza, e la busta è lì. 

Lei però mi dice che non me la può consegnare, abbozzando una motivazione; credo di capire che si tratti del fatto che non posso firmare la ricevuta sul palmare rispettando le distanze; deve quindi lasciare sul muretto l'avviso di mancata consegna.

Oggi vado in posta e, dietro suggerimento dell'impiegata, scarto il pacco regalo non appena in mio possesso di qua dal vetro. 

Sì, è proprio una multa. I 74 km/h (79, senza la tolleranza) su un tratto stradale dove si devono fare i 70. Se verso subito sono 43 euro. Tanto vale farlo subito. Altrimenti poi domani devo tornare in posta e non vorrei si pensasse che prendo la visita come pretesto per la passeggiata (che non ho manco il cane, io).

A questo punto mi chiedo: ma l'amministrazione pubblica che ti spedisce la multa è sempre quella che ti invita a restare a casa il più possibile?"

Commento firmato


Pubblico non solo perchè è successo anche a me la stessa identica cosa, persino anche la stessa entità della multa per la stessa identica folle velocità, ma soprattutto perchè un avvocato a caso (??) mi ha duramente rimproverato per essere uscito di casa, dal momento che in questi giorni gli atti giudiziari sono sospesi!!?

ana

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento