venerdì 20 marzo 2020

Raccolta fondi per il coronavirus?

Controcorrente come mi succede spesso
di Arrigo Antonellini



Una bella raccolta fondi, come sempre, così ci sentiamo tutti più buoni?

In Italia, per fortuna, per bravura, abbiamo un sistema sanitario nazionale sanitario PUBBLICO, finanziato con i nostri soldi, le nostre tasse.

Mancano soldi per fronteggiare il virus, lo Stato non ne mette abbastanza? Andiamo in piazza a far casino, fosse davvero così.

Il diritto alla salute è sancito dalla Costituzione, senza esclusioni nei casi eccezionali, non è scritto nei limite del possibile, il soldi che servono si prendono da altri parti e spendono per garantire questo diritto.

Se il governo non lo fa si protesta, si va in piazza, si sciopera a difesa del Sistema Sanitaria PUBBLICO, non si fa l'elemosina, una colletta, con SKY in prima pagina, come sono buoni loro! 

Non sono le risorse finanziarie che mancano, nessun tecnico del settore, medico, Ausl, si lamenta di non averne abbastanza, mancano invece le risorse umane, le risorse tecniche, materiale sanitario, non perchè manchino i soldi per comprarle ma per altri problemi, anche burocratici.

Gli euri alla Protezione Civile deve darli lo Stato, se gli servono, se ne ha bisogno, nelle calamità naturali la nostra solidarietà va alle persone colpite dalla calamità, nel caso li diamoli agli ammalati allora!?

Più soldi non servono, quando oggi, come ieri, ci sono milioni di persone che hanno fame, nel mondo come anche troppi in Italia, per mancanza di soldi!

Servono mascherine, respiratori, non euri e stiamo in casa.

Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento