martedì 28 aprile 2020

Giusto riaprire i nidi

Lo sostiene anche il Primario di Pediatria
A cura di Arrigo Antonellini

Siamo partiti noi da queste colonne, poi il Sindaco di Ravenna, poi tanti altri.

Nei giorni scorsi c'è stato un confronto tra Regione, Enti Locali e professionisti di scuola e sanità per studiare il come per gli asili e i CRE.

Il dott. Federico Marchetti, Primario di Pediatria all'Ospedale di Ravenna: " Certo condivido la proposta e del mio parere è la comunità dei pediatri. La formazione a distanza non è un sistema che può essere sostenuto a lungo, tra l'altro il 6 per cento delle famiglie, troppe, non ha Internet".

"Per alcuni bambini o ragazzi - continua - l'isolamento sta avendo implicazioni nello sviluppo, nei giorni scorsi in Pediatria sono stati ricoverati cinque bambini con attacchi di panico; poi ci sono numerosi bimbi disabili o in condizioni di malattie croniche che sono ancora più in difficoltà".

"I bimbi hanno un indice di contagiosità - precisa - bassissimo, il 4€ contro il 15 degli adulti. Per gli insegnanti si useranno i tamponi. In tutta la provincia i bambini contagiati sono stati appena 43, tutti a casa".

"Oltre al Sindaco di Ravenna (dopo il vostro giornale N.d.R.) anche l'Oms, l'Unicef e Save the Children si sono espresse in proposito - sottolinea.

"Ora- continua - è importante iniziare a ragionarci per una riapertura a maggio ponendo al centro l'attenzione ed il benessere dei bambini, è noto che nidi e materne danno un valore aggiunto alla loro possibilità di sviluppo e capacità. Il Luogo aperto, al di là dell'aspetto sanitario, è educativo e stimolante, è una riapertura al mondo, ad una socialità non più chiusa in quattro mura e davanti ai videocellulari e alla Tv. Da fine maggio si deve partire con l'infanzia, poi i centri estivi e a settembre dovranno riaprire le scuole".

Ma bisogna muoversi ora perchè, come affermato da Unicef e altri, senza un'azione urgente, questa crisi sanitaria rischia di diventare una crisi dei diritti dei minori".

A cura di Arrigo Antonellini 

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento