mercoledì 29 aprile 2020

Sospensione della certificazione funghi spontanei

A favore di raccoglitori privati ed esercenti il commercio di funghi 


Il Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Ausl Romagna ha valutato la sospensione dell’attività di consulenza e certificazione funghi a privati cittadini e commercianti per il mese di maggio.


Si coglie l’occasione, per ricordare alcune regole, da seguire durante la raccolta e per un corretto utilizzo di funghi:

evitare la raccolta di funghi indiscriminata, nel rispetto dell’ambiente avendo presente che tutti i funghi sono importanti per l’ecosistema;

evitare il consumo di funghi in grandi quantità ed in pasti ravvicinati essendo un alimento difficile da digerire;

evitare il consumo di funghi da parte di persone che soffrono di intolleranze alimentari o disturbi dell’apparato digerente, donne in gravidanza e bambini;

evitare il consumo di funghi raccolti da privati cittadini o posti in vendita senza la certificazione di commestibilità rilasciata da professionisti abilitati;

ricordare che quasi la totalità dei funghi commestibili possono provocare disturbi, o veri e propri avvelenamenti, se consumati crudi, poco cotti e/o in quantità eccessive.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento