venerdì 29 maggio 2020

I commercianti del Pavaglione chiedono più controlli

Lo dicevamo noi!?


C'eravamo all'esordio (augurandoci che sia stata solo la prima di tante altre volte) venerdì scorso nel Pavaglione e come dicevamo controlli non ne abbiamo visti, ma poi "indagando" ci è stato confermato che qualche vigili poi si è visto.

Ma ora a conferma arriva la richiesta di tanti di avere un livello di sorveglianza ben maggiore, sicuramente ne vale la pena visto che occorre essere consapevoli che siamo di fronte ad una "rivoluzione" storica, l'apertura estiva tutte le sere dei negozi e dei bar del Pavaglione, una novità che può farci fare il salto nel livello di attrattività del nostro centro storico, a livello almeno comprensoriale.

Lo scriviamo da tanto, negozi, bar, ristoranti (speriamo presto anche qualcuno in più) per, appunto, un salottino particolarmente attrattivo.

Cosa ci fanno con quaranta gradi i negozi aperti alle 11 o alle 16 quando i potenziali clienti, donne e uomini, sono al lavoro? 

Certo proprietari e commesse stanno al fresco con l'aria condizionata, ma i potenziali clienti davanti alle vetrine no, del resto non ci vuole molto per verificare che in quegli orari in luglio e agosto il Pavaglione è deserto.

Aspettiamo di sapere al più presto quando il grande flusso di gente di venerdì scorso venga replicato, ma con i negozi finalmente aperti.

Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento