sabato 23 maggio 2020

L'Associazione turistica Romagna Toscana

Perchè non c'è Brisighella?



La promozione del turismo supera i confini regionali.

Con questo spirito è nata L'Associazione per la promozione turistica dei comuni della Romagna Toscana, ma in modo che lascia perplessi.

Un sistema interregionale che raccoglie 15 comuni, solo tre della Toscana, Palazzuolo, Firenzuola e Marradi, e 12 romagnoli, ma tutti sul versante forlivese!

E il ravennate, il faentino? La linea ferroviaria Faentina, un gioiello turistico; il fiume Lamone; il Comune di Brisighella con la sua valenza turistica?

Leggere le motivazioni della bella iniziativa fa sentire ancora più forti le perplessità di queste assenze.

Valorizzare il patrimonio storico (la Faentina), culturale, enogastronomico (i castagni, il monumentale castagneto di Pigara di Crespino) e naturalistico (il Lamone), termale (Brisighella) che ha una grandissima valenza turistica.

Il progetto Lamone Bene Comune dell'Eco Museo delle Erbe Palustri di Villanova? il Circolo Acli La Ginestra di Crespino del Lamone affiliato alle Acli ravennati?

Questo percorso - dice Liviana Zanetti, assessora a Castrocaro e presidente della nuova associazione - permetterà a questo territorio di essere presente sul mercato turistico e di dialogare con i tour operator del turismo lento e della cultura. 

"In una regione estesa come l'Emilia Romagna - dice Manuela Rontini, consigliera regionale - sono molti i comuni che confinano con altre regioni. Penso a Marradi che è molto meglio collegata con Brisighella e Faenza che non alla Toscana e per il quale occorre intervenire".

Qual è il parere dell'amministratrice faentina su questa iniziativa forlivese? Quello delle forze politiche ravennati?

Arrigo Antonellini 

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento