sabato 23 maggio 2020

L'istruzione un diritto alla pari della salute e del lavoro

Manifestazione oggi a Faenza
di Arrigo Antonellini 

Obiettivo la riapertura a settembre con la didattica di persona, quella a distanza non è scuola.
Come a Faenza mobilitazioni in tante altre città italiane per chiedere al Governo di affrontare seriamente il diritto all'istruzione con soluzioni che permettano agli studenti di tornare in aula.

A Faenza Il ritrovo alle 15,30 in piazza del Popolo osservando il distanziamento e con la mascherina.

Seguiranno alcuni interventi da parte di docenti, genitori e studenti e l'esposizione di striscioni.

I promotori hanno anche scritto una lettera alla Ministra Azzolina con 80 mila firme dove si evidenzia come la didattica a distanza abbia rivelato tutti i suoi limiti, senza aver avuto risposta.

La task force chiamata a decidere sulla scuola darà il proprio parere il 31 luglio ma è troppo tardi, idee e risorse vanno messe in atto subito perchè servono più aule e più docenti.

Ogni ente o realtà territoriale viene invitato a censire possibili spazi per fungere da aule e bisogna agire al più presto.

Arrigo Antonellini


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento