lunedì 29 giugno 2020

Barzellette vecchie per nuovi lettori

Da Barzellette a Bagno Maria 
di Guido Neri

Un prete, un pastore e un rabbino sono tutti e tre cappellani in un'università americana del Wyoming e spesso si incontrano per prendere il caffè insieme e parlare del più e del meno.
Un giorno, uno studente miscredente li irride, dicendo che insegnano sciocchezze, che sono inutili, che sanno predicare solo alle persone. Perché non provano a predicare agli orsi?
La cosa va talmente avanti che finisce in una sorta di sfida e i tre vanno ognuno a cercarsi un orso da convertire.
Il prete torna malconcio. E' graffiato, ha un braccio rotto e cammina con una stampella, ma racconta:
"Ho trovato l'orso, ho provato a leggergli il catechismo ma non mi stava ad ascoltare, anzi ha cominciato a percuotermi, mi sono visto morto, ho invocato la Madonna, l'ho asperso con l'acqua benedetta... ed è divenuto mansueto come un agnellino. La settimana prossima verrà il vescovo a battezzarlo".
Il pastore è in condizioni molto peggiori. E' su una sedia a rotelle, con ambedue le gambe ingessate, lividi dappertutto e un occhio bendato. Racconta una storia analoga, leggendo la Bibbia, parla di una lotta impari ma violentissima e conclude:
"Io però non ho potuto usare il trucco dell'acqua benedetta perché, come sapete non l'usiamo. Ma siamo infine caduti in un ruscello, io sono riuscito a farlo immergere totalmente e l'ho battezzato. E' divenuto immediatamente un buon cristiano ed abbiamo passato il resto del giorno insieme, a cantare le lodi del signore".
Il rabbino è in condizioni disastrose. Non solo ha tutte e quattro gli arti ingessati, in trazione da qui e da là, ma respira appena e intorno a lui lampeggiano tutti i monitor che indicano temperatura, respirazione, battito cardiaco... sopravvive grazie alle macchine.
Gli altri due gli chiedono:
"Ha trovato l'orso?"
"Sì", fa il rabbino, più con gli occhi che con la voce.
"E come è andata?"
"A ripensarci" sussurra triste il rabbino, "riconosco che voler cominciare con la circoncisione non è stata una buona idea..."

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento