mercoledì 22 luglio 2020

Il collegamento Ravenna-Mestre

La valutazioni della CNA


Con l’assegnazione dei lavori di approfondimento dei fondali del porto, che inizieranno fra qualche mese, e l’interesse di primarie compagnie di shipping per lo scalo ravennate diventa fondamentale migliorare i collegamenti, anche stradali, verso Venezia e più in generale con tutto il nord-est del nostro Paese.

“Apprendiamo con favore - sottolinea la CNA di Ravenna - della volontà dell’Assessore regionale alle infrastrutture, Andrea Corsini, e del Ministro alle Infrastrutture, Paola De Micheli, di chiedere a ANAS di progettare il nuovo percorso della E55 Ravenna-Mestre, che ricalca parzialmente una proposta che CNA aveva già sottoposto agli amministratori locali qualche anno fa.

La realizzazione di questo progetto darebbe una risposta concreta alle esigenze improcrastinabili di messa in sicurezza della Via Romea e della circonvallazione di Ravenna - prosegue CNA - strutture sottodimensionate rispetto alla mole di traffico commerciale già in essere, che lo saranno ancora di più con i futuri investimenti, e nel contempo consentire tempi più celeri di spostamento verso bacini economici importanti, come quelli del Veneto e dell’est Europa.

Un progetto importante, quindi, che darà ulteriore spinta alla realizzazione del by pass sul Candiano, che rimane uno degli obiettivi infrastrutturali più importanti per il nostro territorio.

Tutto questo contribuirà a sostenere un sistema economico e territoriale che si sta muovendo in modo coordinato e univoco e che può contribuire a compiere un salto di qualità all’economia ravennate in una fase di rilancio come quella che ci accingiamo ad affrontare.

Le infrastrutture sono fondamentali per un territorio che vuole essere sempre più competitivo in termini turistici e industriali, per questo è importante proseguire di pari passo anche con la realizzazione degli investimenti sulla rete ferroviaria, che devono essere visti in termini di complementarietà con il trasporto su gomma - sottolinea la CNA.

Una moderna ed efficiente dotazione infrastrutturale rappresenta la condizione fondamentale per garantire la sicurezza dei cittadini e favorire la ripresa economica. Ora si tratta di procedere senza tentennamenti e in tempi rapidi”.


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento