martedì 21 luglio 2020

La poesia del martedì

Tôt a di 

Tôt a dì, l’as fà lónga
gli anȥiâ i dóvrà stê a ca di miş incôra
mo adëş, cvând us gventa vëcc
as cmandé fra no a e telēfan
tèmp fa i era i şàntaĉinquân
mo adës i duvrēb ëşar i stântaĉinquân.
Spiré che şea acsé, as gié
par non éşar ȥa in cla catégureia.
Mi mâma a nuvant’ân la gieva: an só vëcia
a vég incôra in biciclèta.
Us duvrèb cmandé a li cvând us gventa vëcc
acsé asrésum tôt tranquèl
con dnenȥ a nô pió d’ vént ân da vivar
cun la câna de gas a fés la gvuêrgia.

Ilva Fiori

Tutti a dire, si fa lunga
gli anziani dovranno stare a casa ancora dei mesi
ma adesso, quando si diventa vecchi
ci chiediamo fra di noi al telefono
tempo fa erano i sessantacinquenni
ma adesso dovrebbero essere i settantacinquenni.
Speriamo sia così, ci diciamo
per non essere già in quella categoria.
Mia mamma a novant’anni diceva: non sono vecchia
vado ancora in bicicletta.
Si dovrebbe chiedere a lei quando si diventa vecchi
così saremmo tutti tranquilli
con dinnanzi a noi più di vent’anni da vivere
con la canna del gas che ci controlla.

Ilva Fiori

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento