lunedì 3 agosto 2020

Il regolamento per l’organizzazione e il funzionamento di DART

Approvato dal Comune di Conselice 


Il Consiglio Comunale di Conselice ha approvato il regolamento che disciplina l’organizzazione e il funzionamento di DART, la Domus delle Arti, delle relazioni e del Turismo che ha sede a Villa Verlicchi a Lavezzola.


Dopo l’importante e imponente lavoro di restauro voluto e condotto dal Comune di Conselice,

grazie anche ai contributi della Regione Emilia-Romagna e del Gal Delta 2000, e la riapertura dello storico edificio, avvenuta poche settimane fa, ora l’Amministrazione Comunale di Conselice definisce le linee guida per regolamentare il progetto DART. Lo spazio accoglie al suo interno l’info point turistico, il centro di aggregazione per il tempo libero, il Museo Caba (Conselice Art Book Archive) dedicato al libro d’artista, un centro di aggregazione per lo sport, una mediateca, un centro polivalente di servizi culturali.

Con questo regolamento redatto dall’Ufficio Cultura del Comune di Conselice creiamo i

presupposti affinchè DART possa essere gestito direttamente con nostro personale – precisa Raffaella Gasparri, assessore alla cultura del Comune di Conselice – coadiuvato

nell’erogazione dei servizi anche da membri delle associazioni di volontariato, da giovani del

Servizio Civile e da tirocinanti delle scuole secondarie di secondo grado. Il regolamento prevede anche la creazione di una commissione tecnica, che sarà responsabile della gestione complessiva di DART, e l’individuazione di una figura, quella del conservatore, a cui spetteranno le attività di conservazione, documentazione, gestione e valorizzazione delle collezioni del Museo Caba”.

Gli incarichi conferiti ai membri della Commissione Tecnica e al Conservatore sono a titolo

gratuito.

Va così a completarsi il lungo progetto di recupero di Villa Verlicchi, acquistata dal Comune di

Conselice nel 1975 e utilizzata come asilo nido fino al 2008; un progetto che ora consegna a

Lavezzola un polo culturale di assoluto valore e rilievo e un importante polo di aggregazione e

cultura nel cuore della Bassa Romagna.




Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento