lunedì 14 settembre 2020

Cercasi medico di base

 Riceviamo e pubblichiamo

Il Dott.Roberto Faccani "mandato" in pensione

A Lugo nelle farmacie, e non solo lì, non si parla d'altro, della "disperata" ricerca di un nuovo medico di base.

Tanti i medici che sono stati contemporaneamente pensionati. 

Sono stati sì, perchè alcuni avrebbero voluto rimanere. 

Tanti i lughesi che sono parecchio dispiaciuti di aver perso il "loro" medico verso il quale avevano grande stima e fiducia.

Ma le regole non si cambiano, la burocrazia in Italia vince sempre. 

Salvo non rispettarle i tempi nei quali i "clienti" avevano il diritto di essere avvisati per avere un minimo di tempo per organizzarsi, poter scegliere con cognizione di causa, come si ha diritto di fare. 

Almeno lasciare in attività ancora per qualche mese i medici mandati a casa per dare più tempo, no?

Il risultato è che in tanti ora sono ancora senza medico, tanti di quelli in servizio si sono "riempiti", hanno raggiunto il numero massimo.

E con il numero massimo per tanti medici, si condannano centinaia di lughesi a file di ore per poter "parlare" con un medico, anche per il progressivo aumento dell'età degli stessi "clienti".

"In Bassa Romagna - "confessa Tiziamo Corradori. nuovo direttore generale Ausl Romagna - abbiamo fatto nove bandi per medici di base e ne abbiamo coperti solo 4 il che significa che ne mancano più della metà"

Un tema di grande rilevanza che richiede la scesa in campo della politica maggioranza e minoranze con le interpellanze, si sta parlando della sanità "pubblica". 

Le "regole" si superano quando è in gioco la "soddisfazione del cliente", i diritti costituzionali vengono prima delle regole, in situazioni eccezionali.

Lettera firmata


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento