martedì 8 settembre 2020

La poesia del martedì

Spiré in ti ȥuvan  (6 aprile 2020)

Par non andê şèmpar a fê la spēşa

avegh in tl’ört a spighê

cóma e faseva mi mâma in tla puvartê.

Acój al fójarin in mëȥ ai radècc cun e pēl

e pu quèli de chêval negar clà fat i fiur

e tóti agli êtar, che prèma a laşêva andê.

A li cuş cun la panȥèta e aglié acşé bôni

che im fa i cumplimént pió adëş che prèma.

Um vè da pinşé che magàri in sti dé

a stasé imparênd a fès cônt

dla ròba c’avè a cà nòstra

şénȥa tròpi maravèj e puc caprèȥi.

Mo pu am vult indrì

e am cménd se l’avânȥarà caicvël d’bôn

cvând la malatèa de mónd l’asrà fnida.

Spiré in ti ȥuvan, i dis

spiré chi sea mej ad nô, a dégh

e chi véga avânti, a m’avgur

şénȥa purtês drì e nòstar eşémpi.

Ilva Fiori


Speriamo nei giovani

Per non andare sempre a fare la spesa

vado nell’orto a spigolare

come faceva mia madre nella povertà.

Raccolgo le foglioline nel mezzo ai radicchi col pelo

e poi quelle del cavolo nero che ha fatto i fiori

e tutte le altre, che prima lasciavo marcire.

Le cuocio con la pancetta e sono così buone

che mi fanno i complimenti più adesso di prima.

Mi viene da pensare che magari in queste giornate

stiamo imparando a tener conto

delle cose di casa nostra

senza troppe smancerie e pochi capricci.

Poi mi volto indietro

e mi chiedo se rimarrà qualcosa di buono

quando la malattia del mondo sarà finita.

Speriamo nei giovani, dicono

speriamo siano meglio di noi, io dico

e che vadano avanti, mi auguro

senza portar con loro il nostro esempio.

Ilva  Fiori 


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento