lunedì 21 settembre 2020

Online il nuovo portale della storia

Curato da Norino Cani e Pietro Compagni

È online il “Portale della Storia” portaledellastoria.com uno spazio di divulgazione storica curato da Norino Cani e Pietro Compagni, due cittadini della Bassa Romagna che hanno dedicato la loro vita alla ricerca storica.


Il sito vuole essere un punto di riferimento sulle ricerche effettuate dai due esperti, in particolare per quanto riguarda la storia napoleonica, la storia del tricolore, il risorgimento, ma anche un punto di partenza per tutti gli appassionati di storia locale e nazionale.

Norino Cani, nato a Massa Lombarda nel 1952, ha svolto la professione di medico di famiglia a Lugo e a Fusignano dal 1979 al 2010. Da sempre interessato alla storia e all'archeologia locale, possiede una ricca biblioteca riguardante specialmente il periodo napoleonico. Ha al suo attivo oltre 150 monografie su riviste specializzate, anche a livello nazionale, e diverse opere storiche soprattutto relative all'archeologia lughese, la battaglia di Ravenna del 1512 e il periodo risorgimentale.

Pietro Compagni è pittore e disegnatore ed ha insegnato materie artistiche nelle scuole darte per oltre 20 anni.

Si occupa di ricerca storica, con specifico interesse per l'uniformologia, la vessillologia italiana e la storia del costume. Collabora con lo S.M.E. (Ufficio Storico e Rivista Militare) e con varie case editrici specializzate come illustratore e consulente nel campo uniformologico, oplologico e del costume storico. Nel 2002, in occasione del 60° anniversario della battaglia di El Alamein, ha progettato e realizzato il nuovo allestimento della Italy Hall del Museo Internazionale della battaglia di El Alamein, in Egitto, e ha curato il restauro della Sala storico-museale, del Sacrario dei Caduti Italiani nella stessa località. Ha realizzato numerose pubblicazioni e molte mostre sia in campo artistico, sia riguardanti tematiche storiche. 

Tra le opere più importanti dei due storici, che collaborano insieme dal 1980, è da ricordare la ricostruzione in scala naturale del Nieuport 17, laereo con il quale Baracca, per la prima volta, portò in volo il simbolo del cavallino rampante. Il velivolo è oggi esposto al museo dell’Accademia Militare di Modena.


C'è da immaginare che non ce lo daranno mai per il nostro, di museo? Se ne è mai parlato con loro? Nemmeno per qualche mese?

ana


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento