martedì 6 ottobre 2020

A scuola di futuro

Pogetti, percorsi e iniziative per educare alla sostenibilità




È stata pubblicata la nuova edizione di "A scuola di futuro", il catalogo dedicato al mondo della scuola che raccoglie i migliori progetti del Ceas Bassa Romagna e interpreta le nuove esigenze didattiche con progetti a sostegno dell'educazione civica, attività dedicate agli insegnanti e alle famiglie e numerose attività all'aperto. 
Progetti ed eventi scelti hanno posto grande attenzione all’Agenda 2030, adottata dall’Onu nel 2015 e sottoscritta da 193 Paesi del mondo che si sono impegnati a promuovere azioni volte a raggiungere un modello di sviluppo differente su scala globale, da un punto di vista non solo ambientale, ma anche economico e sociale. 

Le proposte educative hanno infatti un collegamento tematico ai 17 obiettivi per lo sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030, obiettivi che descrivono le maggiori sfide per lo sviluppo dell’umanità e si rivolgono a tutte le scuole della Bassa Romagna di ogni ordine e grado, dal nido alle superiori. Gli insegnanti e interessati possono aderire alle proposte con le modalità descritte per ognuna di esse. 

Il catalogo “A scuola di futuro” è pubblicato online sul sito del Ceas Bassa Romagna (http://ceas.labassaromagna.it/Proposte-didattiche) ed è stato diffuso a tutti gli istituti interessati. 

Il catalogo è stato definito in collaborazione con le tre sedi del Ceas Bassa Romagna (Casa Monti, Podere Pantaleone ed Ecomuseo delle erbe palustri), il Servizio Sociale, Educativo e Giovani, il Coordinamento Pedagogico, del Centro per le famiglie, la Polizia Locale e l'Ufficio Europa dell'Unione dei Comuni. 

Per rinnovare l'impegno a una stretta collaborazione tra gli enti locali e le istituzioni scolastiche e il territorio, anche il Consorzio di bonifica della Romagna occidentale, il Parco del Delta del Po, Romagna Tech, Arpa, Ausl e il team del progetto europeo SOS4Life si sono resi disponibili per creare quelle sinergie capaci di qualificare ulteriormente il percorso delle ragazze e dei ragazzi della Bassa Romagna.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento