sabato 31 ottobre 2020

Le richieste Per la Buona Politica sulla sanità recepite nel Consiglio Comunale

 Attendiamo la loro attuazione

Tiziano Carradori, nel suo intervento dello scorso mercoledì 28 ottobre, all’interno del Consiglio Comunale di Lugo, ha dichiarato “ci vorranno da sei mesi a un anno, ma l’Umberto I del Distretto Sanitario e Sociale della Bassa Romagna, è un presidio ospedaliero di primo livello, pertanto deve avere il proprio Direttore Sanitario, le funzioni medico-chirurgiche specialistiche con al vertice i primari.


Ho già chiesto alla Regione l’autorizzazione a procedere coi concorsi. Entro breve, la Direzione Generale AUSL sottoporrà all’organo di programmazione, costituito dai Sindaci nella CTSS, proposte per la loro valutazione e approvazione”.

Carradori ha dichiarato di voler dare rilevanza ai Distretti sociali, sanitari e socio-assistenziali, strumenti di governo e di controllo locale. Impianto questo sostenuto anche dal Sindaco Piovaccari, delegato dell’Unione dei Comuni alle politiche sociali e sanitarie.

Il Direttore Generale, in conclusione, ha dichiarato: “Nel perdurare della emergenza dovuta alla pandemia, l’ospedale di Lugo non tornerà più ad essere Covid hospital, poiché dovrà continuare con le funzioni specialistiche di base e quindi deve avere tutto al suo interno”. Ha affermato che nella dimensione distrettuale, ospedali come quello di Lugo e Faenza sono l’ideale. Infine, innanzi all’assemblea consiliare, ha comunicato l’accensione di un mutuo di 45 milioni per investimenti nelle parti più carenti della ASUL Romagna.

Una chiara e netta discontinuità rispetto agli anni passati che non può che compiacere Per la Buona Politica, in quanto rappresentano la risposta che il nostro gruppo consiliare sostiene da anni in ogni sede, istituzionale e sul territorio, a mezzo di specifiche e argomentate richieste.

Per la Buona Politica, alla luce delle dichiarazioni e degli impegni assunti dal Direttore Generale ha espresso voto favorevole al documento presentato dalla Giunta al Consiglio, sottoponendo contestualmente una risoluzione per ottenere dall’Amministrazione comunale l’impegno concreto ad agire – cosa mai fatta – nelle sedi competenti (C.T.S.S. – Distretto), per dare voce alle richieste provenienti dalla comunità, spesso poco o per nulla ascoltate, nel tempo passato.

La nostra richiesta di restituire completa e piena funzionalità all’ospedale Umberto I e rivedere la programmazione degli interventi sul territorio, con la implementazione delle Case della Salute, è stata accolta.

Anche sulla scorta delle proposte presentate in consiglio, il nostro impegno a vigilare sull’operato della maggioranza continuerà incessante, affinché gli impegni assunti in sede istituzionale siano fedelmente rispettati.

Il gruppo consiliare Roberta BRAVI – Silvano VERLICCHI


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento