martedì 3 novembre 2020

La poesia del martedì

 In te bar di cinis

Ilva  Fiori


In te bar di cinis, dop mëȥanòt

quând chi s’ēlȥa prëst

is’è andè a ca a durmì,

alè ui’armësta bab e fiöl chi puleş

e i prufeşionesta, ch’ i sà d’mutùr

d’ machin, d’ calcio, d’ don, e i contabàl.

Me, che aiò cminȥê ad andè in ti bar

da babéna e dal féman un’gnì n’era

am’na dégh c’um piş stè in mëȥ a stì umâz

e fè cônt d’ésar coma lô

parchè acsè i ciacara tranquél

im fà ridar, dal vôlt im fà instiȥì

mo nénc da quist’aquè impêr caicvël.

Nel bar dei cinesi


Nel bar dei cinesi, dopo mezzanotte

quando quelli che s’alzano presto

sono andati a casa a dormire,

lì ci restano babbo e figlio che puliscono

e i professionisti, che sanno di motori

di macchine, di calcio, di donne, e i racconta balle.

Io, che ho cominciato ad andare nel bar

da bambina e di donne non ce n’erano

mi accorgo che mi piace stare in mezzo a questi omacci

e far finta di essere come loro

perché così parlano tranquilli

mi fanno ridere, delle volte mi fanno arrabbiare

ma anche da questi qui imparo qualcosa.


Ilva Fiori



Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento