mercoledì 4 novembre 2020

La temperatura non incide sul contagio

C'entrano viaggi e spostamenti

 Nessuna prova sul clima per la trasmissione del virus. Sembrano influire ben poco.


Molto di più incidono gli spostamenti delle persone e le situazioni che portano a essere a stretto contatto. 

A sostenerlo è uno studio del team dei ricercatori dell'Università del Texas ad Austin intervenendo così nel dibattito che si è acceso all'indomani della diffusione del nuovo coronavirus proseguito in questi mesi. 

Secondo gli scienziati che hanno studiato i casi di Covid-19 a livello di Stati e contee negli Stati Uniti d'America, ma anche di regioni e Paesi del mondo, la temperatura esterna è risultata, secondo gli studiosi, un fattore "non influente". 

Il report, infatti, che ha analizzato i valori combinati dell'umidità e della temperatura dell'aria, conclude che incidono su una scala di rilevanza per meno del 3%.

Il più alto fattore che contribuisce alla crescita della pandemia è l'indice della mobilità, legato ai viaggi e che sarebbe rilevante per il 34,32%, seguito dalla vita trascorsa lontana dalla famiglia (per il 26,14%), dai dati di popolazione di una data zona (28,86%) e dalla densità abitativa urbana (13,03%).

Nella conclusione, secondo i risultati a cui sono giunti i ricercatori dell'Università del Texas dello studio, i ricercatori spiegano come "non sia stata trovata alcuna prova convincente" per includere il freddo o il caldo come tra i responsabili "della diffusione di Covid-19".

"Non dovremmo pensare al problema come a qualcosa determinato dal clima, ha commentato Sajad Jamshidi, ricercatore della Purdue University che ha partecipato al lavoro, dobbiamo prendere precauzioni personali ed essere consapevoli dei fattori di esposizione urbana". 


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento