AVVISO

Ci scusiamo con i lettori e gli inserzionisti se nei seguenti giorni il giornale uscirà in forma ridotta, stiamo cercando di ripristinare al più presto il servizio. Vi invitiamo a contattarci per collaborazioni o segnalazioni alla seguente email: pavaglioneagenda@gmail.com

giovedì 4 marzo 2021

Rosae rosarum rosis....

di Valentina Bordini


L'altro ieri siamo tornati in zona gialla, sospiro di sollievo; alt, da
domani siamo in zona arancione, anzi no, arancione scuro, Bologna è già
zona rossa, chi ci capisce più niente...
I miei ragazzi hanno scuola in presenza tutti i giorni l'uno, l'altro
scuola in presenza un giorno sì e uno no, anzi cioè, da domani tutti e
due in DAD, e niente più palestra, anche questa sospesa. Per due
settimane? Si parla già di un mese, fino alle vacanze di Pasqua...
Sta per scoppiarmi il cervello, e non solo, sto per piangere, non se ne
esce più, aiuto, ho bisogno di non pensare più a queste cose, mi serve
un sollievo mentale...
 


 

Possono due minuscole foglioline che si affacciano dal terriccio, dare
un istante di felicità? Felicità non proprio, è un parolone, io dò a
questo termine un significato talmente ampio, che mi sembra quasi
impossibile poter provare felicità su questa terra...
Però le due foglioline un palpito di gioia me lo regalano davvero...
E allora mi fermo a contemplare le mie due serre sul balcone, da qualche
giorno fa caldo e le tengo chiuse solo la notte. Vi trovano casa le
piantine di rosa nate a partire da novembre, alcune sono già alte una
decina di centimetri, altre, come quella vista or ora, sono appena spuntate.
Poi mi decido, vado giù in cucina e prendo la borsina "del tesoro" che
tengo in frigorifero, non molto grande ma pesante, e mentre la porto di
sopra penso: "qui dentro c'è ancora vita...".
Nella borsina si trovano i sacchettini di plastica chiusi da zip, con un
po' di terriccio umido e i semi che vi ho depositato a partire da
settembre, quelli che non hanno ancora avuto voglia di germinare (e
forse non germineranno mai, ma tant'è).
Mi siedo in terra (mio marito trova così disdicevole questa mia
abitudine...), prendo il cellulare su modalità torcia, e uno alla volta
tiro fuori della borsina le bustine di terriccio e le esploro alla
ricerca di una "codina", la prima parte di nuova pianta che spunta dal
seme... ne trovo ancora alcune, anche se ormai siamo molto avanti con la
stagione. Man mano che trovo i semi germinati, li metto nei bicchierini
di plastica da caffè, ai quali ho praticato un paio di fori in fondo, e
che ho riempito di buon terriccio. Un buchetto di un centimetro circa
nella terra, e voilà, dentro il semino. Tra qualche giorno, se fa il
bravo, spunteranno i cotiledoni, cioè le prime due foglioline della
nuova pianta.

Tutto questo lavoro, un po' certosino e un po' ripetitivo, mi ha
calmato, ora posso tornare ad affrontare la vita e la pandemia con un
po' più di tranquillità, fino alla nuova crisi.
E sogno i fiori che le nuove piantine produrranno già a partire da
aprile, sperando che tra di loro ci sia qualcosa di eccezionale, qualche
nuova rosa degna di essere messa in commercio, chissà, in futuro...

Valentina   Bordini




 


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento