AVVISO

Ci scusiamo con i lettori e gli inserzionisti se nei seguenti giorni il giornale uscirà in forma ridotta, stiamo cercando di ripristinare al più presto il servizio. Vi invitiamo a contattarci per collaborazioni o segnalazioni alla seguente email: pavaglioneagenda@gmail.com

mercoledì 14 luglio 2021

Il fior di loto, questo sconosciuto






di Paolo Caroli

Martedì mattina ho fatto il giro al parco del loto per vedere se era spuntato qualcosa nel lago. Ho fotografato due fiori, per il resto desolazione totale.
I foglioni e i relativi steli sono pochissimi e per buona parte solo nella zona sinistra di fronte ai giochi e qualcosa nel fronte opposto zona torretta e null'altro.
Situazione drammatica e siamo già a metà mese di luglio.
Il fenomeno si chiama "anossia", è la mancanza o carenza di ossigeno nell'acqua.
Il fior di loto ha radici che si espandono continuamente, cerca nuovi spazi e non trovandolo, soffoca.
Il proprietario tutti gli anni con la barchetta a fine fioritura andava a diradare le radici, un lavoro per niente facile, impegnativo ma necessario.
In 26 anni circa non è mai stato fatto nulla, a parte il taglio delle cannucce che sono cresciute a dismisura, ergo la natura senza l'intervento dell'uomo in ambienti piccoli, muore.
Situazione attuale.



Qualche anno fa




PAOLO CAROLI




Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento