Le polizie locali hanno celebrato san Sebastiano

Presentati i dati sulle attività in provincia nel 2013 e le novità previste per l’anno in corso 


Al Carmine di Lugo si sono riunite le rappresentanze di tutte le polizie locali della provincia per celebrare il patrono San Sebastiano.

La giornata, come da tradizione, è stata occasione anche per presentare i dati sulle attività svolte dalle Polizie municipali e dalla Polizia provinciale nel corso del 2013.

I saluti iniziali sono stati affidati a Linda Errani, sindaco dell’Unione con delega alla Polizia municipale: “La festa di San Sebastiano è tradizionalmente l’occasione per fare un bilancio sull’attività svolta nell’anno appena concluso, ma anche l’opportunità di rivolgere a tutti gli operatori dei polizia municipale il ringraziamento più sincero per l’importante e quotidiana attività svolta per la comunità. 


La sicurezza è un bene comune, e come tale chiama in causa tutti nel preservarlo, alimentarlo, tutelarlo, dalle istituzioni ai cittadini, perché riguarda la convivenza e la responsabilità delle persone nel sentirsi parte di una città”.

Il 2014 porta con sé una novità di carattere normativo: l’articolo 14 della legge regionale 24/2003, che disciplina le polizie locali; mentre in passato per l’attribuzione dello status di “corpo” di polizia locale era sufficiente il rispetto di alcuni parametri quantitativi (numero degli addetti, ore di servizio erogate, eccetera), oggi si aggiunge l’ulteriore requisito della coincidenza territoriale con gli ambiti ottimali definiti dalla legge regionale 21/2012: solo le città capoluogo di provincia possono istituire il corpo autonomamente; in questo contesto viene valorizzato il ruolo delle Unioni dei Comuni. I singoli Comuni (al di fuori della città capoluogo di provincia) e le gestioni associate che non coincidono con gli ambiti ottimali sono costituite in “servizio di polizia locale”.

Sarà inoltre rilanciata l’applicazione “Pronto polizia locale”, per i possessori di smartphone con sistemi operativi iOS e Android: in caso di bisogno, l’app permette di contattare la più vicina sede di polizia locale in qualsiasi luogo.

Complessivamente, sono circa 90 gli argomenti che coinvolgono le polizie locali (municipali e provinciale). Tra i dati presentati, spiccano a livello provinciale l’aumento del 30% dei controlli commerciali e del 34% dei controlli con etilometro. I posti di controllo fisso sono cresciuti del 27%, arrivando a 9361. Sono stati ben 2562 i mercati gestiti.

“La polizia locale è il naturale strumento degli enti locali per interagire con i propri cittadini – ha sottolineato il comandante della PM dell’Unione della Bassa Romagna, Roberto Faccani -. Gli enti locali, proprio per la loro vicinanza al cittadino, devono favorire l’autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base della sussidiarietà”.

Ultime Notizie

Rubriche