I nomi dei nuovi Assessori se vincerà Verlicchi

I cittadini hanno il diritto di conoscerli prima dell’8 giugno

di Arrigo Antonellini


Oltre ad informare che come del resto aveva sempre assicurato presto presenterà la nuova Giunta, Verlicchi ha dichiarato che costiturà un comitato operativo di realizzazione dei vari progetti messi in campo.

Nell’intervista rilasciata a “il Resto del Carlino” il candidato afferma che cercherà di far capire che governare un Comune è più complicato che dirigere un’impresa (chiedere a Cortesi, nd.r.), “per questo occorrono conoscenza, competenza, esperienza, che ad esempio si possono acquisire avendo fatto esperienze di lavoro, come dirigente politico, presidente dell’USL, dirigente di diverse società private e soprattutto di assessore”.

“Intendo – continua – fare il Sindaco per creare opportunità per gli altri”.

“Inoltre – dice ancora Verlicchi – nel ruolo di un Sindaco è fondamentale il dialogo con i livelli istituzionali superiori e sono pronto a dialogare con l’Unione, con la regione, con Roma e con Bruxelles e per farlo con successo occorrono appunto esperienza, bisogna avere lavorato e molto”.

“Gestire un Comune – continua il candidato delle tre Liste – non è come fare una riunione di partito, difficile, “rischioso” affidare la dirigenza di un’impresa a chi non abbia mai lavorato”.

Con queste considerazioni Verlicchi afferma di chiedere il voto anche agli elettori Pd che Domenica scorsa hanno voluto dare, giustamente, il loro sostegno a Renzi.

“Il PD di Lugo – precisa – è salito sul carro di Renzi, il politico delle Primarie, ma con Renzi non c’entra nulla. Sono molto più renziano io che nel ’94 sull’onda di Prodi, da dirigente del PDS, proposi le Primarie insieme ad amici di altri partiti, in primo luogo della DC, con l’Associazione “Per Lugo” coordinata dall’Ing Giuseppe Sangiorgi, capogruppo DC in Consiglio Comunale, nata per far crescere la città partendo da appartenenze partitiche diverse, la stessa matrice di una Lista Civica.

Non solo mi furono negate dal segretario del Partito Maurizio Roi che divenne Sindaco, ma fui anche spedito alla commissione di controllo.

“Ora – conclude l’articolo a firma di Lorenza Montanari – non resta che attendere il faccia a faccia tra Verlicchi e Ranalli a cui Verlicchi ha già accettato di partecipare “con molto pacare”.

Arrigo Antonellini

Ultime Notizie

Rubriche