La poesia del martedì

IL CAPELLO



Capello amato, ingrato,

perduto, caduto…

dove sei?

Sono caduto nella minestra, ma

non da solo, con altri

tre.

Sono caduto tra i maccheroni

infilandomi nei loro buconi;

sono caduto nell’insalata

per farmi una bella nuotata.

Capello vago,

capello alato,

capello ingrato.

Orazio Penazzi

Ultime Notizie

Rubriche