Il Prefetto Francesco Russo ha incontrato il Tavolo dell’Imprenditoria

Riceviamo e pubblichiamo


Il Prefetto della provincia di Ravenna Francesco Russo ha incontrato i rappresentanti delle imprese del territorio della Bassa Romagna.





All’incontro – richiesto dall’Unione dei Comuni su sollecitazione del Tavolo delle imprese – erano presenti oltre al Prefetto, il Questore di Ravenna Mario Mondelli, il vice comandante provinciale dei Carabinieri Tenente Colonnello Fabio Bonucchi, il comandante provinciale della Guardia di Finanza Colonnello Marco Lainati, il comandante provinciale del Corpo Forestale dello Stato Giovanni Naccarato.


Il Tavolo dell’imprenditoria della Bassa Romagna riunisce tutte le 13 diverse sigle delle associazioni datoriali dei nove Comuni dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna: AGCI, CIA, CNA, Coldiretti, Confagricoltura, Confartigianato, Confcommercio, Confcooperative, Confesercenti, Confimi Impresa, Confindustria Ravenna, Copagri e Legacoop Romagna.

Nel corso dell’incontro è stata preliminarmente riconosciuta l’importanza e l’efficacia degli incontri e dei rapporti di dialogo tra le istituzioni a favore della tutela della legalità.

“La crisi, i cui aspetti più deleteri e le cui conseguenze economico-sociali sono ancora in atto – ha dichiarato il sindaco Daniele Bassi – impongono riflessioni al centro delle quali sono collocati i temi della legalità, della sicurezza e del rispetto delle regole, che preoccupano le imprese del nostro territorio. È quanto mai necessario un proficuo rapporto di collaborazione tra imprese, istituzioni, amministrazioni locali e dello Stato. 


Occorrono risposte celeri in merito a temi di prioritaria importanza rispetto ai quali già ora le forze dell’ordine e la collaborazione istituzionale è elevata, ma che richiede un’attenzione continua, come il tema dell’abusivismo commerciale, il presidio del territorio per prevenire i reati predatori, con il sostegno di leggi adeguate per garantire la certezza della pena, il contrasto all’illegalità negli appalti. In definitiva vogliamo sostenere un’economia moderna e competitiva che metta in valore, appunto, rispetto delle regole, chiarezza normativa, sicurezza declinata nelle varie accezioni”.

“La prefettura ha un compito di prevenzione – ha sottolineato il Prefetto Francesco Russo -, che si sviluppa attraverso l’analisi delle esigenze del territorio, da cui è scaturita la strategia operativa di controllo che negli ultimi tempi ha consentito il raggiungimento di apprezzabili risultati consistenti in una sensibile diminuzione dei reati predatori. 


A questo sforzo sinergico sono state chiamate a contribuire tutte le Forze di Polizia con la collaborazione del Corpo Unico della Polizia Municipale dell’Unione. 

La sicurezza partecipata, la legalità e la coesione sono tutti principi che fanno parte della cultura delle collettività di questo territorio, che vanno consolidate ed esaltate con il contributo di tutte le parti. 

Tale unità di intenti può costituire un valido ausilio a creare quella barriera per contrastare eventuali tentavi di possibili infiltrazioni mafiose, per cui rivolgo il mio invito a segnalare ogni situazione anomala per attuare una efficace azione di prevenzione nei confronti di ipotesi di rischio”.

“Questo incontro – ha proseguito il Prefetto -, è stata un’occasione per trarre utili spunti di lavoro e ringrazio i capigruppo, presidenti del Consigli comunali e la giunta dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna per i preziosi contributi forniti”.

“Come Tavolo dell’imprenditoria della Bassa Romagna abbiamo sollecitato un confronto per esternare le nostre preoccupazioni e per intraprendere un percorso che ci vede impegnati nel contrasto all’illegalità – ha dichiarato Giacomo Melandri -. Ognuna delle associazioni sta monitorando e analizzando il fenomeno per tentare di contrastarlo. 


Siamo molto favorevoli agli accordi e ai protocolli che ci vedono impegnati sul fronte della lotta all’abusivismo e all’esercizio di attività illegali che portano alla concorrenza sleale”.

Al termine della riunione gli ospiti presenti hanno ringraziato il Prefetto e le Forze dell’Ordine per l’attenzione dedicata al tessuto produttivo e commerciale del territorio anche rispetto alle tematiche oggetto dell’incontro.

Francesco Russo si è insediato al Palazzo del Governo di Ravenna lunedì 5 gennaio 2015. Francesco Russo, napoletano, 55 anni, ha lasciato la prefettura della provincia piemontese di Verbano-Cusio-Ossola e subentra a Ravenna a Fulvio Della Rocca, chiamato ad alti incarichi a Roma. Russo è stato tra l’altro capo gabinetto alla Prefettura di Bologna e Viceprefetto vicario in quella di Milano.

Ultime Notizie

Rubriche