Blablacar

Sciopero dei ferrovieri, “Chi se ne frega”!?
del direttore



“Blablacar” un servizio rigorosamente privato del quale il vostro giornale vi ha dato notizia già, tanto, tanto, tempo fa.





Certo perchè un giornale con un direttore che si avvina ai sennt’anni, ma con una redazione giovane, alle tantissime novità di tempi che non corrono, ma volano, è attentissimo.

Cronaca vera, meglio precisarlo perchè ne circola di non vera tra i colleghi, di ieri Domenica 24 luglio.

L’iniziativa del Circolo ACLI La Ginestra di Crespino del Lamone con la “splendida” camminata nel nostro “splendido” Appennino, gustoso pranzo al sacco ed anche tanto di bagno nelle dolci fresche acque del Lamone.

Un’intelligente signora di Firenze che ha accolto la proposta della Ginestra, che era arrivata sabato e pernottato al B&B La Ginestra: “E adesso come torno a casa che i ferrovieri sono in sciopero”.

Nessuna problema.

Una mail a Blablacar, una telefonata, dopo due ore un auto si ferma a Crespino e la signora fiorentina dopo poco più di un’ora era a casa, spendendo 16 euro.

E i ferrovieri che hanno perso lo stipendio di una giornata di lavoro con i tempi che corrono, quanto disagio hanno creato alla signora?

Cosa succederà tra poco quando, come per tutte le novità, sarà passato il tempo necessario per il crescere ancora di più di un servizio privato frutto dell’ingegno italico, sarà conosciuto ancora di più?

Quanto lo metteranno in prima pagina non solo il vostro giornale ma anche gli altri?

Anche se non sono proprio queste le notizie che interessano ai padroni dell'”altra stampa”.

Ma i nostri giovanissimi dirigenti sindacali, attentissimi a come cambia il mondo, hanno già pronte nuove e ingegnose forme di lotta in una realtà che abbia a velocità supersonica?

Il direttore

Ultime Notizie

Rubriche