Il Sindaco di Ravenna Presidente della Provincia

Amministratori senza indennità

Il numeroso ex Consiglio Provinciale

Si sono concluse le elezioni provinciali, di seguito si riportano i risultati dello scrutinio.

Per la carica di Presidente della Provincia di Ravenna è stato proclamato eletto Michele de Pascale che ha ottenuto il 78,82% dei voti espressi.

Per la lista n. 1 denominata “Insieme per la Provincia di Ravenna. DE PASCALE presidente”, sono stati eletti per la carica di Consiglieri della Provincia (ordinati in base al numero di voti ponderati):

Davide Ranalli                       Sindaco Comune di Lugo
Luca Coffari                          Sindaco Comune di Cervia
Giannantonio Mingozzi         Consigliere Comune di Ravenna
Gianfranco Spadoni               Consigliere uscente Provincia di Ravenna
Fiorenza Campidelli               Consigliere Comune di Ravenna
Daniele Perini                         Consigliere Comune di Ravenna
Paola Pula                              Sindaco di Conselice
Giovanni Malpezzi                 Sindaco Comune di Faenza
Angela Rossetti                      Consigliere Comune di Bagnacavallo
Maria Luisa Martinez                         Consigliere Comune di Faenza
Patrizia Strocchi                     Consigliere Comune di Ravenna 

Per la lista n.2 denominata “Ravenna per la Romagna”, è stato eletto per la carica di Consigliere della Provincia:



Oriano Casadio                      Consigliere Comune di Casola Valsenio 

“Un sincero ringraziamento – commenta de Pascale – ai sindaci e ai consiglieri che oggi hanno scelto di votarmi, accordandomi un consenso che va oltre la maggioranza consiliare.

Da questo momento dobbiamo lavorare all’unisono con tutti i sindaci della provincia per tenere unito e coeso il nostro territorio e vincere insieme la sfida della Romagna come area vasta.

Fin da subito ci impegneremo nel tutelare i lavoratori dell’ente e nel garantire quei servizi fondamentali e strategici di competenza della Provincia che interessano direttamente i cittadini come la viabilità, la manutenzione stradale e l’edilizia scolastica”. 


Ingente il risparmio di spesa per i nuovi amministratori rispetto a prima dell’ennesima riforma di Renzi.

ana

Ultime Notizie

Rubriche