I Verdi: Siamo in buone mani!

Per problemi di sicurezza si sopprime un passaggio pedonale e ciclabile invece di far rallentare le auto

La soppressione ferragostana del passaggio pedonale e ciclabile di viale
Masi trova oggi giustificazioni paradossali da parte dell’Amministrazione e dei suoi tecnici.

Per problemi di sicurezza ,scrivono,invece di trovare il modo di fare rallentare le auto e di far loro rispettare i limiti di velocità ed il codice della strada, si preferisce sopprimere uno storico attraversamento pedonale e ciclabile.

Un modo singolare per affrontare il problema. Se poi vietassimo di
circolare a piedi o in bicicletta sicuramente ridurremmo gli incidenti
per pedoni e ciclisti.

Ma perchè un ciclista ,magari anziano e con borse della spesa, oppure
uno studente con zaino, deve scendere dalla bici per attraversare viale
Masi per evitare che un automobilista rallenti e rispetti il codice
della strada?

Si potevano trovare tante soluzioni : un semaforo a chiamata,
segnaletica efficace del passaggio pedonale e ciclabile, dissuasori..
spostamento di qualche metro del passaggio…. un passaggio che riguarda un intero quartiere verso il centro storico.

Invece ecco il piccolo golpe di ferragosto, senza alcuna informazione
preventiva nè cartelli ,nè alcun intervento per evitare che i ciclisti continuino a passare dove sono sempre passati. E almeno mettere il passaggio ciclabile nell’attraversamento pedonale esistente più vicino.

Dopo la vicenda dei cordoli ammazzaciclisti che rendono pericolose le
piste ciclabili che ha Lugo ha visto gravi incidenti,ultimi quelli di Guido Neri e di Antonio Taglioni, adesso arriva questa improvvida e mal gestita soppressione di un collegamento vitale tra Madonna delle Stuie ed il Centro Storico.


Forse qualcosa andrebbe rivisto nella impostazione culturale di chi
dovrebbe governare la materia.


Visitare qualche città ciclabile magari, anche a spese dell’amministrazione.

Non vorremmo dover trovarci di fronte ad una revisione del Piano
Traffico che diventasse un Piano Auto.

Verdi Lugo
Gabriele Serantoni

Ultime Notizie

Rubriche